Il Fondo Ambiente italiano ha lanciato nel mese di Maggio la  decima edizione del censimento “ I luoghi del cuore “ che si rivolge a tutti i cittadini in Italia ma anche all’estero invitandoli a votare, entro il 15 dicembre 2020, i luoghi italiani che più  amano e che si vorrebbero veder difesi, recuperati, valorizzati. Il  progetto si propone di contribuire a far conoscere i luoghi che più amiamo e a segnalare le loro eventuali esigenze all’attenzione della Comunità e delle Istituzioni, attivando la partecipazione diretta della società civile nella tutela del proprio patrimonio artistico e naturalistico.

I luoghi più votati verranno premiati attraverso un contributo economico che, a fronte la presentazione di un progetto, verrà  utilizzato per interventi di restauro e valorizzazione.

Il Gruppo Fai (Fondo Ambiente Italiano) di Castelvetrano, sollecitata da molti cittadini, propone   come “luogo del cuore” da votare la Chiesa del Purgatorio   da tempo chiusa ed in stato di abbandono a causa di infiltrazioni che nel 2016 provocarono il crollo di una parte del tetto.  La scelta è stata motivata dal voler recuperare  uno dei monumenti importanti del nostro Centro storico che riteniamo fondamentale  rivitalizzare, ma anche dal fatto che al suo interno si trovano ampi spazi che, attraverso un restauro, potrebbero essere utilizzati dalla collettività per realizzarvi, come già avveniva precedentemente,  eventi culturali. Si tratta di una Chiesa barocca del 1600, forse dedicata a San Eligio, che fu edificata, su una precedente chiesa, per volontà del Duca Diego D’Aragona.  L’interno,  a tre navate divise da colonne, colpisce per la sua maestosità ed è ricco di stucchi ed affreschi, realizzati dai fratelli castelvetranesi Nicola e Gaspare Curti. L’imponente dipinto destinato all’altare maggiore che raffigura la Trinità, la Vergine e le Anime del Purgatorio, si trova  attualmente conservato nella nostra Chiesa Madre. La facciata barocca ha subito dei danni dal terremoto del 1968.

Negli ultimi  anni  la Sicilia è stata fra le regioni italiane, quella che ha ricevuto più voti e più finanziamenti dal FAI : la Colombaia, il Castello di Calatubo, il fiume Oreto, la Chiesa di Lentini, il Giardino della Kolimbetra nella valle dei templi di Agrigento, la Chiesa ed il Convento di San Bonaventura….. sono alcuni fra i luoghi recuperati dal FAI.

Creando una grande mobilitazione ed una bella sinergia  fra le Istituzioni, (la Scuola in primis), le altre Associazioni presenti nel territorio ed i cittadini tutti, anche noi potremmo farcela! E’ un’occasione preziosa non solo  per recuperare un bene prezioso  ma anche  perché la pubblicità che stiamo per attivare può diventare volano di promozione turistica per il nostro territorio.

Aldilà dei progetti e delle attività che ogni Associazione vuole portare avanti, credo fermamente che dovremmo tutti quanti essere animati da un comune scopo : cercare di rianimare la nostra Comunità valorizzando le nostre grandi e abbandonate risorse.

Questa campagna nazionale, assume proprio in questo difficilissima fase  di blocco, paure e di isolamento, un valore ed un significato particolare: di speranza, di ripartenza, di partecipazione diretta alla rinascita del nostro Paese profondamente ferito dall’epidemia e allo stesso tempo della nostra Città alla cui rinascita molti di noi si stavano già impegnando.

Il censimento è realizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. La Rai sta già portando avanti una campagna di sensibilizzazione a sostegno della decima edizione de “I luoghi del Cuore”attraverso il racconto di luoghi e storie che testimoniano la varietà, la bellezza e l’unicità del nostro Paese.

Condividete l’invito al voto con i vostri amici e con le persone a voi care anche attraverso i social! Soltanto attraverso l’impegno di tutti potremo portare avanti questo progetto che richiede la necessità di far convergere i nostri voti su un unico monumento; disperdere i voti  significherebbe vanificare il nostro obiettivo. 

La  partecipazione è aperta a tutti : italiani e non, maggiorenni e minorenni. Data l’emergenza sanitaria, in questa prima fase, è  possibile votare esclusivamente on line sul sito www.iluoghidelcuore.it

Graziella Zizzo – Capo gruppo FAI Castelvetrano