ASCOLTA L'ARTICOLO

La scommessa targata “Selinunte” è quella di creare un polo d’attrazione che possa catalizzare bambini e adulti non solo di Castelvetrano ma anche dei paesi vicini. E stavolta l’impegno lo hanno messo i pescatori e le loro famiglie (insieme nel Comitato “Sacro Cuore di Maria”) che hanno trasformato l’area dell’ex stazione ferroviaria in un grande villaggio di Natale. A Marinella di Selinunte è tutto pronto per l’open-day di oggi pomeriggio (sabato 17 dicembre). Alle ore 16,30 sarà inaugurata la Casa di babbo Natale nel locale che, fino a qualche anno fa, ospitava un ristorante e che poi il Comune ha tenuto chiuso. Ora il Comitato l’ha avuto affidato e all’interno lo ha allestito con giochi e attrazioni per i più piccoli.

«Tutto è stato preparato con amore – spiega Margherita Barraco, di professione avvocato ma selinuntina doc – da casa abbiamo portato giocattoli e antichi suppellettili per arricchire ogni angolo». Gli spazi esterni dell’ex stazione ospiteranno, invece, gli stand in legno dove si potrà bere anche il vin brulè, in perfetto stile dei paesi freddi europei. Nel piccolo giardino, invece, è stato allestito il presepe con le statue a dimensione d’uomo. L’attrazione clou sarà anche il luna park già montato negli ampi spazi che furono delle Ferrovie dello Stato. La Casa di Babbo Natale rimarrà aperta tutti i giorni, sino al 6 gennaio 2023. Tra le altre iniziative, il 24 dicembre consegna dei regali ai bambini; il 27 dicembre (bar Boomerang), tavola rotonda su “Identità Selinuntina tra tradizione e innovazione”; il 28 dicembre (a bordo della barca “Alessandra e Cristina”), narrazione della tradizione selinuntina con cucina a bordo; il 6 gennaio 2023 (Casa di Babbo Natale), arrivo dei Re Magi e consegna dei doni ai più piccoli.

AUTORE.