Lorenzo Cimarosa

Lorenzo Cimarosa

Lorenzo Cimarosa torna nella sua abitazione di Castelvetrano da dove era uscito, in manette, nel dicembre del 2013. Il cugino acquisito di Matteo Messina Denaro, ha iniziato da collaborare con i magistrati di Palermo poco il suo arresto.

La prima sezione della corte d’appello di Palermo gli ha concesso gli arresti domiciliari, su di lui pende una condanna a 5 anni e 4 mesi. Cimarosa è ritornato a casa lo scorso venerdì.

Gli sarebbe anche stato proposto un programma di protezione, con il conseguente trasferimento in una località segreta, ma Cimarosa ha rifiutato. Così come i suoi familiari. Il figlio del collaboratore di giustizia, Giuseppe, ha anche preso posizione in pubblico per spiegare la scelta: “Non dobbiamo essere noi ad andar via, ma i mafiosi”. E ancora: “Mio padre ha trovato il coraggio di dire basta”.

Le condizioni di salute di Lorenzo Cimarosa non sono buone, un male lo ha recentemente costretto anche ad un importante intervento chirurgico. Adesso potrà superare questo momento molto difficile grazie alla propria famiglia.

Una famiglia che trainata dal figlio Giuseppe, da sempre noto per le sue attività artistiche, ha dato un grande messaggio alla comunità che ha accolto in maniera positiva, magari non da subito, il grande coraggio dimostrato nel rimanere proprio a Castelvetrano per collaborare con la parte buona della società, quella che sta cercando di debellare la mafia da questo territorio.