Il monumento in bronzo dedicato alla memoria del filosofo Giovanni Gentile scambiato per un muro d’affissioni. La singolare vicenda si è verificata stamattina al Sistema delle piazze di Castelvetrano: uno studente liceale ha affisso una locandina su “Le pagine del filosofo”, l’opera dell’artista Filippo Cusumano. Due foto e si sono scatenati i più critici commenti nei confronti dell’autore dell’affissione “fuori luogo”. Nel giro di nemmeno qualche ora, la locandina è scomparsa. E nel pomeriggio si sono fatti vivi i comitati studenteschi dell’Istituto “G. B. Ferrigno” e del Liceo classico “G. Pantaleo”.

Consapevoli della stupidaggine commessa, sono arrivate le scuse alla città. E a parlare sono stati proprio gli organizzati dell’evento pubblicizzato in locandina, Federico e Andrea: «Il nostro gesto è stato fatto con assoluta superficialità e noncuranza. Ai cittadini ribadiamo le nostre scuse ma li invitiamo, altresì, a osservare con più attenzione ciò che succede all’interno del nostro Sistema delle piazze, al fine di limitare atti vandalici di maggiore importanza».