Le gare di corsa del Progetto “OLIMPIADE” (Sport, Arte e Cultura), promosso e realizzato dalla Prof.ssa Maria Grazia Filardo del Liceo Classico “G. Pantaleo” di Castelvetrano, si sono disputate sabato 9 Maggio alle ore 10.00 presso lo Stadion del C.A.M. (CAMPUS ARCHEOLOGICO MUSEALE) Triscina di Selinunte – Castelvetrano – Baglio Calcara, ricostruito con le stesse misure di quello antico di Olimpia lungo m. 192,27 largo m.29.

olimpiade cam triscina

CLICCA QUI per tutte le foto di Mirko Tumbarello

 

Prima delle gare è stata accesa la fiaccola come avveniva nell’antichità dal vincitore dello stadion delle precedente Olimpiade, rappresentato da un alunno.
Successivamente gli allievi hanno partecipato al progetto disputando le seguenti gare:

STADION maschile – 192.27 mt
DIAULOS maschile – 384.58 mt
DOLICHOS maschile – 1500 mt

STADION femminile – 160 mt
DOLICHOS femminile – 1000 mt

Alla fine della competizione l’avvocato Giovanni Miceli, direttore del C.A.M., ha premiato i vincitori cingendogli il capo con una corona intrecciata di ulivo selvatico.

La finalità del progetto – secondo la Prof.ssa Maria Grazia Filardo – è triplice e si articola su più livelli: stimolare i giovani ad intraprendere un percorso di benessere psico-fisico e a trasformare questo in vero e proprio costume culturale permanente come mezzo per lo sviluppo dell’intelligenza motoria; riportare lo sport al centro della crescita umana e culturale dell’allievo; portare gli studenti a rivivere il “gusto” dell’agone come avveniva nell’era classica, stabilendo con la storia un rapporto più corposo.

Infatti il momento della gara è stato solo la conclusione di un percorso che ha visto gli alunni impegnati non solo nella preparazione agonistica, ma anche nello studio e nell’approfondimento di percorsi didattici volti alla conoscenza storica, letteraria e artistica dei giochi Olimpici.

La realizzazione del progetto “OLIMPIADE” è stata possibile anche grazie alla Dirigente scolastica Prof.ssa Tania Barresi, ai docenti coinvolti nella preparazione preliminare degli studenti Prof.ssa Rossella Zambito e Prof.ssa Daniela Giancontieri, all’assistenza medica del Dott. Franco Cirrincione e al Restauratore Soprintendenza del mare Giovanni Calandrino.