Per i migranti accampati nell’ex cementificio “Calcestruzzi Selinunte” di Castelvetrano arriva anche l’aiuto de “L’Esercito della salvezza”. Ieri il capitano Luca Longo ha portato sacchi a pelo e K-Way per tutti i 70 migranti che si sono fermati all’interno dell’area privata e dove vivono in tende di fortuna.

La consegna è avvenuta alla presenza del coordinatore provinciale di Libera, Salvatore Inguì che sta seguendo da vicino l’attuale situazione in cui vivono i migranti economici rimasti bloccati a causa delle disposizioni anti contagio per l’emergenza Covid-19.

Luca Longo ha anche consegnato ai migranti le mascherine in stoffa realizzate dal laboratorio “Joy Lab” di Castelvetrano. Soltanto una settimana fa, grazie alla donazione di Giuseppe Scozzari, “Libera” ha fatto sistemare otto taniche da mille litri ciascuno che il Comune di Castelvetrano ha provveduto a riempire di acqua.