«Alla ripartenza abbiamo trovato diffidenza e timore, ma serve essere più fiduciosi». I fratelli Nunzio e Giovanni Oddo sono tornati al lavoro con lo spirito della ripartenza, in questa fase del dopo lockdown. L’impresa edile con sede a Castelvetrano, che gestiscono si è rimessa in moto dopo mesi di sosta. «Durante la fase del lockdown tanto è andato perduto – spiega Giovanni Oddo a CastelvetranoSelinunte.it – ma adesso serve un forte impulso per far risollevare l’edilizia che rimane uno dei settori trainanti dell’economia locale».

Il lockdown ha messo in crisi anche l’edilizia. Ora, in più, c’è l’adeguamento alle nuove normative di sicurezza anti contagio. «Ci siamo dovuti adeguare alle disposizioni – spiega Nunzio Oddo – ogni giorno misuriamo la temperatura dei nostri operai, sanifichiamo i cantieri e gli ambienti con appositi disinfettanti».

Tuttavia, seppur a stenti, la ripartenza c’è stata. «Le richieste di lavori da parte dei clienti ci sono, anche se molti hanno rivisto e ridotto i loro budget di spesa, forse perché intimoriti dal brutto periodo appena trascorso», spiegano i due fratelli.

Al futuro bisogna guardare con speranza, forti anche degli incentivi che il Governo ha messo in campo per le opere di ristrutturazione: nel Decreto Rilancio sono stati inseriti anche l’ecobonus e il sismabonus, strumenti che serviranno a potenziare la detrazione fiscale del 110 per cento dalle spese di adeguamento (o rinnovamento) degli immobili, sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

«Quale miglior occasione, se non adesso, per rendere più agevole e sintetico l’iter burocratico che ostacola fortemente il settore?», s’interroga Giovanni Oddo. «Diamoci sostegno l’uno con l’altro, riattiviamo insieme il motore dell’economia».