L’azione istituzionale delle Pro Loco è quella di salvaguardare e valorizzare le risorse enogastronomiche e turistiche dei territori ove operano ma spesso interpretano, attraverso le proprie attività, i sentimenti e le richieste dei cittadini.
In questi giorni è nota l’azione portata avanti dalla sanità regionale che sta di fatto rendendo inefficiente e inoperativo l’Ospedale di Castelvetrano. Sorto come presidio ospedaliero di riferimento del Beìce, dopo il terremoto del 1968, ha garantito servizi di eccellenza a tutta la popolazione servita, oltre 100 mila abitanti, permettendo di inserire un’ottima assistenza sanitaria tra i servizi offerti in questo territorio.
Pertanto le Pro Loco di Campobello di Mazara, Gibellina, Menfi, Montevago, Partanna, Santa Margherita di Belìce, Santa Ninfa e Selinunte di Castelvetrano esprimono solidarietà e sostegno all’azione portata avanti dalle associazioni belicine che stanno manifestando per il mantenimento della qualità dei servizi sanitari attraverso la lotta che le vede impegnate nella salvaguardia dell’Ospedale di Castelvetrano e si rendono disponibili ad affiancare le stesse nelle iniziative in itinere e future.
Forti dei rapporti con le Amministrazioni Locali, inoltre,  le suddette Pro Loco invitano tutti i rappresentanti istituzionali dei propri territori a supportare le azioni a difesa del nosocomio belicino, esempio di eccellenza che caratterizza un territorio tra i servizi offerti a residenti e viaggiatori.