Sono terminate nella tarda sera di oggi (domenica 2 febbraio) le operazioni di imbarco dei nostri connazionali a Wuhan,  località focolaio del Coronavirus. Il velivolo militare, con a bordo personale medico e infermieri specializzati delle Forze armate, è già in volo ed arriverà in Italia nella mattinata di lunedì. Lo ha reso noto sui social, Pierpaolo Sileri, Vice Ministro della Salute. A bordo del KC-767A dell’Aeronautica Militare, anche la studentessa castelvetranese Laura Turdo, che domattina arriverà all’aeroporto Pratica di Mare, in provincia di Roma. La 26enne dopo aver lasciato il suo alloggio nel Campus universitario CCNU ha raggiunto l’aeroporto di Wuhan per il volo di rientro.

La giovane ha raggiunto il punto di ritrovo indicato dall’Ambasciata italiana a Pechino, e poi da lì trasferita in aeroporto. La Turdo sarà qui sottoposta alle prime visite mediche. E in Italia rientrerà anche il sanvitese Marco Peralta, che si trovava a qualche centinaio di chilometri da Wuhan. Sia la Turdo che il giovane Peralta fanno parte dei 67 italiani per i quali il Governo ha attivato il ponte aereo.

Una volta giunti a Pratica di Mare il gruppo di connazionali provenienti dalla Cina, dopo le ulteriori visite mediche (in aeroporto è stata allestita una stanza di isolamento), saranno trasferiti presso una struttura della caserma Cecchignola, dove trascorreranno 14 giorni sotto osservazione dei medici.