baglio florio selinunteIeri mattina presso la sala del Baglio Florio del Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa la rete Museale e Naturale Belicina ha presentato alla quasi totalità dei soci presenti il nuovo direttivo, il direttore ed il presidente designati e il programma delle attività che questo nuovo gruppo di lavoro ha già avviato e le proposte che intende portare avanti nei prossimi anni. Alla fine dell’incontro si è svolto un momento di confronto sulle necessità di ogni struttura aderente alla rete e sulle azioni che la Rete potrà svolgere per e con i soci.

Dal dibattito è emersa l’importanza della condivisione delle strategie di valorizzazione e promozione dei luoghi della cultura della rete e la necessità di collaborare insieme con tutti soci della retebelicina e il contributo che i due parchi archeologici di Segesta e Selinunte attiveranno con il territorio belicino . L’eterogeneità dei soggetti aderenti e la molteplicità degli interessi trovano convergenza nelle progetto culturale proposto dalla rete belicina , dove la capacità di cooperazione ed integrazione ha sempre connotato il territorio belicino.

La Rete, inoltre, ha deciso di promuovere la partecipazione dei cittadini e di quanti vogliono sostenere e contribuire alla realizzazione delle sue iniziative attraverso l’apertura alla affiliazione di soci sostenitori denominati “Gli amici della #retebelicina”. Attraverso questo interessante meccanismo singoli soci interessati alla rete potranno partecipare alle attività e ricevere in cambio esperienze esclusive e gratuità. Le specifiche di questa nuova figura saranno stabilite nel regolamento della Rete attualmente allo studio dei componenti del direttivo.
I vari componenti del direttivo hanno poi presentato le diverse azioni previste nei quattro principali settori di attività ovvero: Eventi; Formazione/didattica; Standard di qualità; Turismo. In particolare hanno evidenziato per il settore Eventi il successo per il CALENDARIO UNICO MENSILE degli eventi promossi dalle strutture aderenti alla rete, già diffuso online il mese di luglio e l’avvio nel corso dell’anno di alcuni eventi di particolare rilevanza fra cui: Domenica al museo (ogni prima domenica del mese); Invasioni digitali; La notte dei musei; Festa dei Musei (sabato e domenica 2-3 luglio 2016: Musei e Paesaggi culturali); Giornata F@mu ( 9 ottobre); Giornata del contemporaneo (sabato 15 ottobre), Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità (3 dicembre). Per il settore della Formazione e Didattica la Rete nei prossimi 6 mesi procederà ad avviare una ricognizione ed analisi delle attività didattiche in essere e alla calendarizzazione delle attività didattiche proposte dai singoli luoghi della cultura aderenti. La comunicazione delle attività avverrà mediante il sito ed i social media. Dopo questo primo step si prevede di avviare una riflessione sulla possibilità di fornire a livello di rete attività didattiche a quei siti/luoghi che ne facciano richiesta. Nell’ambito del settore Turismo la Rete pensa di istituire un processo di promozione turistica denominato “il luogo del mese”. Seguendo l’esempio del sito del MiBACT attraverso il sito internet delle Rete e la pagina facebook verranno pubblicizzate i contesti territoriali deiluoghi della cultura che aderiscono alla rete. L’adesione al progetto di audioguide gratuite denominato Izi Travel rappresenta, inoltre, un concreto supporto in tal senso. Grande attenzione sarà dedicata dalla Rete al supporto alle singole strutture per l’accreditamento di queste al “Sistema di accreditamento del luoghi della cultura” della Sicilia promosso dal Dipartimento regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana. Puntando sulla registrazione degli ingressi e sulle politiche di accoglienza e di accessibilità delle strutture. Su tale tema la presenza della dott.ssa Angela Puleo – presidente dell’Aias Castelvetrano, ha consentito di avviare una riflessione per creazione di un itinerario dei luoghi accessibili della rete modulati attraverso gruppi omogenei di luoghi connotati da elementi coerenti che consentano l’accessibilità fisica e cognitiva.
Rete Museale e Naturale Belicina