Dovremmo cominciare a prenderci le nostre responsabilità. Noi siamo frutto del nostro passato e se stiamo attraversando questo brutto momento la colpa é anche nostra. E’ chiaro che dobbiamo fare autocritica, ma non ci piace la strumentalizzazione che sta facendo certa stampa, la conseguente presa di posizione da parte di alcune trasmissioni nazionali e alcuni articoli pubblicati da noti quotidiani, sia nazionali che blog siciliani.

Non si può continuare a buttare fango su trentamila o più cittadini che hanno solo avuto la disgrazia, dovremmo dire, di essere nati e vissuti sino ad oggi a Castelvetrano ma che con la mafia, con i corrotti e gli opportunisti non hanno mai avuto nulla a che dividere. Riteniamo che questa comunicazione denigratoria, strumentale, costruita ad arte avrà un effetto boomerang….. Nelle more siamo considerati NULLA DÌ BUONO e non è corretto perché anche noi abbiamo un cuore e un anima.

L’Associazione “Noi Laboratorio Civico” esprime il proprio disappunto, la propria preoccupazione ed anche la propria rabbia e tristezza per il modo con cui parte della politica (in questa bufera mediatica assolutamente assente), delle istituzioni e della stampa assalgono come animali inferociti il nostro territorio. Riteniamo che questa gran confusione e strumentalizzazione, per fini a noi sconosciuti, interessa per dire che Castelvetrano è città di mafia, terra dell’abusivismo edilizio e capitale dell’evasione e non certo per chiarire problematiche o a comprendere meglio fatti e dati.

E considerato che Il commissario Salvatore Caccamo, ha dichiarato: ” dispiace vedere certi servizi giornalistici che vengono messi in onda, a volte, con errori grossolani da parte degli stessi operatori dell’informazione, alcuni dei quali avrebbero detto per fare un esempio che la Saiseb o la Ditta Gemmo dovrebbero dare dei soldi al Comune, invece è tutto l’opposto.

” Noi Laboratorio Civico ritiene utile e doveroso che, a seguito di una approfondita indagine su tipologia delle entrate,periodi di gestione della riscossione, regolarità delle cartelle inviate, dati precisi e veritieri sulla correttezza degli accertamenti, prescrizioni ecc., la Commissione Straordinaria comunicasse un quadro complessivo e chiaro della problematica, in modo da far comprendere nel bene, nel male e con tutte le criticità esistenti , che Castelvetrano è una Città normale. Una città come tutte le altre, con i suoi pregi e i suoi difetti.