Lunedì 8 Maggio alle ore 18.00 nel Sistema delle Piazze, la Sinistra per Castelvetrano restituirà memoria alla strage dimenticata dell’8 maggio 1921 nella quale durante il comizio di un candidato socialista si registrarono dieci morti e cinquanta feriti, vittime innocenti di una “spedizione punitiva” organizzata dagli squadristi fascisti, annuncio del regime che da lì a poco avrebbe colpito violentemente le sedi delle organizzazioni dei lavoratori, giornali e sezioni del movimento socialista e comunista.

L’eccidio di cui in città rimane una lapide, è stata oggetto di studio da parte di Giandomenico Coco, Nicola Di Maio e Antonio Squeo, ricercatori dell’Archivio Storico degli Anarchici Siciliani ,nonchè di un memoriale datato 1957 a firma di Giuseppe Cacioppo, leader socialista del movimento dei braccianti nelle occupazioni delle terre del latifondo nel trapanese e nell’agrigentino.