In un tempo lontano, quello dei nostri nonni, le feste di Natale trascorrevano in modo semplice e senza consumismo: non era ancora in uso l’albero di Natale, in casa si costruiva il presepe con materiali naturali e veri, la famiglia si riuniva intorno al braciere, i bambini cantavano le canzoncine di Natale e inventavano giochi e passatempi, i nonni preparavano gli addobbi e raccontavano….Ecco, questa è l’atmosfera cui la Corte di Re Letturino intende ispirarsi per il pomeriggio di sabato 28 dicembre da trascorrere fra “lu cuntu e lu iocu”.
Anche questa volta, la storia da condividere è un classico della letteratura per bambini e a seguire un laboratorio creativo e giochi a sorpresa! Per ogni bimbo, vi invitiamo a portare una scatola di scarpe di piccole-medie dimensioni e 5 tappi di sughero. La Corte di Re Letturino vi aspetta sabato 28 dicembre alle ore 17, presso le stanze reali della Pro Loco, in piazza Umberto.