tasse siciliaI lavoratori più tartassati sono i pensionati del Mezzogiorno. L’allarme per il Sud è lanciato dalla Cgia di Mestre: su stipendi e pensioni il peso delle addizionali comunali e regionali Irpef si fa sentire soprattutto per i cittadini meridionali. La Sicilia in questa speciale classifica si posiziona al quinto posto nazionale.

Nell’Isola l’aumento dell’Irpef è stato di 87 euro per un pensionato con reddito fino a 16 mila euro, di 108 per un operaio con 20 mila euro di reddito, di 200 per un impiegato con reddito fino a 36 mila euro, 327 con reddito fino a 59 mila euro. In tutti i casi esaminati a sopportare il peso fiscale maggiore sono i contribuenti di Calabria e Molise.

“A sopportare il peso fiscale maggiore sono i contribuenti della Calabria seguiti da quelli del Molise”, afferma lo studio. Secondo il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, le ragioni vanno ricercate soprattutto “nella cattiva situazione in cui versano moltissime regioni del Sud in materia di sanità. Le Regioni in disavanzo sanitario sono state obbligate ad elevare l’aliquota base, pari allo 0,9% sino al 2010, di 0,5 punti percentuali, raggiungendo così quota 1,4%.

Inoltre, a partire dal 2010 quelle in disavanzo sanitario che non avevano rispettato i piani di rientro sono state costrette ad innalzare ulteriormente l’aliquota di altri 0,3 punti percentuali, arrivando a toccare la soglia dell’ 1,7%.

Poi, spiega ancora la Cgia “con il cosiddetto ‘Salva Italia’, il Governo Monti ha sancito l’elevazione dell’aliquota base dallo 0,9% all’1,23%, di conseguenza le Regioni in disavanzo sanitario hanno dovuto portare l’aliquota all’1,73% e quelle che non avevano rispettato i piani di rientro addirittura al valore massimo di 2,03%”.

Dalla Cgia ricordano che le Regioni in disavanzo sanitario nel 2011 erano: l’Abruzzo, la Calabria, la Campania, il Lazio, il Molise, il Piemonte, la Puglia e la Sicilia. Mentre le Regioni che sono state costrette ad elevare l’aliquota sino al valore massimo del 2,03% sono state la Calabria, la Campania e il Molise. Per quanto concerne l’addizionale comunale Irpef, nel 2009 e nel 2010 “vigeva ancora per i Comuni il ‘blocco’, ovvero l’impossibilita’ di aumentarle. Solo nel 2011 e poi definitivamente nel 2012 e’ stata ridata la possibilita’ di aumentare le aliquote sino ad una aliquota massima dello 0,8%.

Cosa che molti sindaci hanno fatto per bilanciare la scarsità di risorse a disposizione”. “Abbassare le tasse sui lavoratori dipendenti e sui pensionati – conclude Bortolussi – è una necessità ormai improrogabile. Se ciò avverrà, a beneficiarne non saranno solo queste categorie che avranno più soldi in tasca, ma di riflesso anche gli artigiani e i commercianti che, come sappiamo, vivono quasi esclusivamente di consumi interni”.

clap