Il 5 dicembre presso l’Ambito territoriale di Trapani, in via Castellammare, s’è svolto l’incontro di presentazione del progetto UNICEF-MIUR “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti- La Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.1989-2019”. Presenti all’incontro, per Unicef: La Presidente provinciale Mimma Gaglio, il responsabile scuola Antonio Barone e la segretaria Antonella Morici; per il MIUR Ambito Territoriale di Trapani Antonio Chirco; per gli istituti scolastici, che hanno aderito alla proposta educativa-didattica, quasi tutti i docenti referenti del progetto.

A febbraio 2019 sono state rese pubbliche le Osservazioni conclusive del Comitato ONU, (Organo preposto al monitoraggio e alla valutazione dello stato d’attuazione della Convenzione negli Stati che l’hanno ratificata) al Rapporto presentato all’Italia.

Le Osservazioni conclusive, individuano rispetto al nostro Paese quattro principali aree di preoccupazione, rispetto alle quali “devono essere adottate misure urgenti”, sono: Allocazione delle risorse; Non discriminazione; Istruzione; Minorenni richiedenti asilo e rifugiati e minorenni coinvolti nelle migrazioni.


Al centro la Presidente provinciale Unicef Mimma Gaglio, la segretaria provinciale Antonella Morici, il responsabile del MIUR Antonio Chirco, a sinistra il responsabile scuola Unicef Antonio Barone, a destra la Dirigente Mariarosa Barone, insieme alle docenti referenti del Progetto Scuola Amica UNICEF/MIUR

Dichiara la Presidente provinciale Mimma Gaglio: “L’UNICEF ha voluto “rileggere”, quest’anno, ogni specifica proposta del programma Scuola Amica, inserendo in modo organico i rimandi all’analisi e alle indicazioni contenute nelle Osservazioni conclusive con l’obiettivo di fare scelte coerenti con i principi espressi dalla Convenzione. Unicef è, anche, promotore e sostenitore di azioni finalizzate al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati nell’Agenda ONU 2030, pertanto, contestualmente al processo di attuazione dell’Agenda stessa, la proposta in questione mira a rinforzare quanto raccomandato nelle Osservazioni conclusive, cioè garantire la partecipazione attiva dei minorenni nell’ideazione e nell’attuazione di politiche e programmi volti a raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”.
Tanti i sussidi e materiali messi a disposizione dall’Unicef per le scuole: kit didattici, filmografia e bibliografia a tema,pubblicazioni, slide, video, guide per i docenti, infografiche, documenti e schede formative, attività di laboratorio suddivise per fasce di età…

23 gli istituti scolastici di ogni ordine e grado della provincia ad aderire al progetto. A Trapani: l’ I.C. Gian Giacomo Ciaccio Montalto; il 4°circolo Didattico Guglielmo Marconi; l’I.C. Eugenio Pertini;l’ l.C.G. Montalto; il III Circolo Didattico Statale “Umberto di Savoia e l’I.C. Bassi- Catalano. A Erice: il I Circolo “G. Pascoli”. A Marsala:l’ I.C. Sirtori e l’I.C. Luigi Sturzo/Asta.
A Mazara: l’I.C. Borsellino-Ajello; l’I.C. G.Boscarino- A. Castiglione; l’I. C. “Giuseppe Grassa” e il 3° circolo didattico “Baldo Bonsignore”. A Castelvetrano: l’I.C.“Lombardo Radice-Pappalardo”; l’ I.C. “Capuana Pardo”; l’IPSEOA Virgilio; I’I.S.S Cipolla-Pantaleo-Gentile e il 2°Circolo Didattico “Ruggero Settimo. Inoltre,l’ I.C. G.Garibaldi/G.Paolo II di Salemi; l’I.C. M. Montessori di Alcamo; l’I.C.G.Pitre’/A.Manzoni di Castellammare; l’I.C. Rita Levi-Montalcini di Partanna e l’I.C. “Francesco Vivona” di Calatafimi
.
Durante l’incontro, sono stati consegnati gli attestati alle scuole che hanno aderito lo scorso anno al progetto, firmati dal Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti e dal Presidente nazionale Unicef Francesco Samengo, mentre il logo di Scuola Amica, era già stato inviato un mese fa e gli istituti scolastici beneficiari hanno potuto inserirlo sul loro sito, su carta intestata o sui diversi strumenti di comunicazione.