ASCOLTA L'ARTICOLO

La borgata di Triscina di Selinunte rappresenta un punto di partenza dove poter sviluppare nuove attività legate al turismo che potrebbero creare un indotto socio-economico rilevante. Per questo l’associazione “ProgettoTriscina” da anni si batte per migliorare il decoro della costa, per gli interventi di pulizia del litorale, per la riqualificazione di aree verdi, la manutenzione e la pulizia delle strade, per un progetto di piazze e fontane, la fruibilità del parco archeologico, lato ovest e della piazza Giovanni Paolo II, compresi locali sottostanti.

Tutti punti trattati a Triscina il 3 settembre 2021, presso bar Boomerang, nell’incontro voluto dalla stessa associazione alla presenza del direttivo, di una delegazione di soci, del sindaco Enzo Alfano e del Capogruppo dei cinque stelle al Consiglio comunale Antonino Manuzza.

Aprendo la discussione Enzo Danimarca ha diviso il suo intervento in due parti, una relativa agli interventi di ordinaria amministrazione, quali efficiente pulizia della borgata, ripristino dei pali di illuminazione mancanti e divelti, manutenzione strada via del Mediterraneo dove insistono buche storiche, derattizzazione e disinfestazione che non si attuano da anni e altro.

La seconda parte ha riguardato la necessità di una programmazione di interventi sul territorio, individuando priorità, obiettivi mirati e strumenti d’intervento, interventi strutturali che riguardano progetti e proposte, quali creare alcuni punti di aggregazione e pensare al decoro ambientale. Così l’associazione ha proposto di poter realizzare alcune piazze, centri di aggregazione dove possono sorgere attività economiche, ha suggerito pure di piantumare palme sulle nostre suggestive dune, idea apprezzata dal sindaco che si è impegnato ad incontrare un responsabile del demanio marittimo per verificarne la fattibilità. Questo incontro è servito proprio per poter programmare possibili progetti, utili a migliorare la borgata .

Il sindaco si è espresso fiducioso circa le piste ciclabili, finanziate con Agenda Urbana, il cui iter va avanti. Ha parlato dello stato avanzato di progettazione di una pista ciclabile che, a ridosso del parco archeologico, dovrebbe collegare Triscina con Marinella e di un’altra pista ciclabile, da tempo richiesta dalla nostra associazione, che pare si potrebbe realizzare nella via della Magna Grecia.

“Alcuni risultati si sono ottenuti, afferma con soddisfazione Danimarca, si sono fatte alcune cose importanti per le quali da tempo ci battiamo e che sono sotto gli occhi di tutti. Fra tutte la riapertura della Farmacia, servizio che si potrebbe mantenere anche in inverno ( per questo abbiamo fatto la richiesta al Sindaco) e la riapertura dell’ingresso del Parco Archeologico, lato ovest, utilizzato intanto come gradevole spazio culturale”.

Ma tante sono le cose che rimangono da fare. L’associazione fa infatti delle richieste in termini di servizi che potrebbero essere attivi tutto l’anno, visto che Triscina ha 1.600 residenti. Ci vorrebbe un presidio medico con una guardia medica estesa tutto l’anno. Per questo il sindaco chiederà agli organi preposti e sarebbero utili anche alcuni uffici distaccati del comune, compresi i vigili urbani.

Non dimentica Danimarca di invitare il sindaco a rivedere, entro il più breve tempo possibile, il piano regolatore per poter avere uno strumento utile, di carattere urbanistico, un piano da discutere e condividere possibilmente con gli abitanti della borgata e con chi può essere interessato. L’incontro è stato utile per un confronto e per ribadire la disponibilità dell’associazione a collaborare con l’Amministrazione Comunale, solo nell’interesse della borgata marinara.

Il Sindaco ha attenzionato ed annottato le proposte e gli appelli fatti dall’Associazione. Poi ha convenuto con il presidente di ProgettoTriscina di incontrarsi periodicamente, anche in presenza di tecnici del Comune e assessori al ramo per vagliare concretamente le opere da realizzare . Da tenere presente che i progetti bisogna sicuramente realizzarli affinché il Comune possa inserirsi nella richiesta del Recovery Plan. Spetterà a questo punto agli amministratori e ai tecnici del comune di impegnarsi passando dalle parole ai fatti e facendo toccare con mano la riqualificazione della borgata..

Noi di ProgettoTriscina ce lo auguriamo.

Francesca Mandina
Addetto stampa di” ProgettoTriscina”

AUTORE.