Il Tenente Domenico Guerra saluta la Compagnia Carabinieri di Castelvetrano, dove per tre anni ha comandato il Nucleo Operativo e Radiomobile. Il giovane ufficiale, giunto a Castelvetrano nell’agosto del 2012, in questi anni ha brillantemente condotto i suoi militari nello svolgimento di delicate indagini di polizia giudiziaria.

Tra le più significative ricordiamo l’operazione “Cold Case”, con cui nel febbraio 2013 furono arrestati i due presunti autori del duplice omicidio, avvenuto vent’anni prima, di due amanti castelvetranesi; ricordiamo, inoltre, le indagini confluite nell’operazione “Eden 2”, condotta dai carabinieri del Ros e del Nucleo Investigativo di Trapani, che ha portato nel novembre del 2014 all’arresto di 16 presunti affiliati alla famiglia mafiosa del latitante Matteo Messina Denaro.

SONY DSC

In questi tre anni i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno portato a termine anche numerose operazioni antidroga e antirapina, nonché indagini su gravi danneggiamenti e atti intimidatori.

Il Tenente Guerra lascia Castelvetrano per andare ad Ivrea, in provincia di Torino, a comandare la locale Compagnia Carabinieri. Al suo posto subentra il Luogotenente Giuseppe Genna, a Castelvetrano già da diversi anni, in attesa di un nuovo Ufficiale.