E’ del gruppo siciliano Moncada Energy di Agrigento il piu’ significativo dei quattro progetti italiani oggetto dell’accordo italo-albanese firmato oggi a Tirana alla presenza del Premier italiano Silvio Berlusconi e del Primo ministro albanese Sali Berisha.

L’imprenditore Salvatore Moncada ha sottoscritto con il Ministro dell’Energia Genc Ruli l’impegno ad avviare entro il secondo semestre del 2009 la costruzione della piu’ grande centrale di energia eolica mai progettata in Europa, per 500 Mw, a Sud e Sud-Est di Valona, e di un cavo sottomarino da 500 mw per l’interconnessione elettrica in continuo fra Albania e Italia. L’opera, per un investimento di 1,015 miliardi di euro, rappresenta la quota piu’ grande delle attivita’ italiane in Albania oggetto dell’accordo odierno che prevede un totale di 2,2 miliardi di euro.

Il progetto di Moncada e’ stato gia’ formalmente approvato dalle autorita’ albanesi (manca l’ultimo visto che sara’ rilasciato a giorni) e oggi e’ stato sancito dai rispettivi Governi come l’intervento italiano piu’ significativo in Albania. Il gruppo Moncada Energy ha gia’ in corso le attivita’ preparatorie condotte sul posto da tecnici siciliani. La costruzione della centrale richiedera’ l’assunzione in Albania di 500 figure professionali, mentre la gestione ne assorbira’ 100.

Il processo di trasferimento tecnologico impieghera’ venti tecnici ed esperti siciliani del gruppo Moncada. La Moncada Energy, uno dei principali produttori in Italia di energia da fonti rinnovabili, presente anche in Africa e Europa nel settore delle biomasse, in Sicilia ha gia’ operanti fattorie eoliche per 105 Mw di potenza e ha in costruzione una fabbrica di turbine a Porto Empedocle e un opificio di innovativi pannelli fotovoltaici a Campofranco.