ASCOLTA L'ARTICOLO

L’avere tolto alcune parti pericolanti del frontone del teatro Selinus di Castelvetrano ha scatenato il putiferio sui social. Qualche giorno fa, come abbiamo raccontato, una ditta con piattaforma aerea è intervenuta per togliere alcune parti del monumento di città perché erano pericolanti. Da più parti sono arrivate voci di indignazione e sollecitazioni al chiarimento: «Il sindaco riferisca pubblicamente sulle responsabilità e gli autori di tale danno», ha scritto l’avvocato Vincenzo Basile. Ma cosa è successo veramente al teatro Selinus? E perché, soprattutto, quelle parti del frontone sono state tolte? A CastelvetranoSelinunte.it lo chiarisce l’architetto Vincenzo Barresi dell’Ufficio tecnico del Comune: «L’intervento si è reso necessario perché da settimane venivano giù calcinacci dal cornicione – spiega – e dopo un sopralluogo sul tetto ci siamo accorti del rischio evidente. Da qui l’ordinanza del sindaco e l’intervento in urgenza».

Ma perché questi frammenti di frontone si sono staccati? Lo spiega ancora l’architetto Barresi: «Durante il sopralluogo ci siamo accorti che la causa è stata la presenza di alcuni chiodi di ancoraggio di una vecchia gabbia di Faraday (per proteggere l’edificio contro le scariche atmosferiche, ndr) realizzata con strisce metalliche oramai ammalorate. I chiodi arrugginiti hanno fatto spaccare i conci di pietra». Il Comune ha già informato la Soprintendenza ai beni culturali di Trapani, alla quale sarà trasmessa una relazione tecnica dettagliata.

 

AUTORE.