Nei giorni a cavallo tra il 2019 ed il 2020 una foto ha fatto il giro dei social. Si tratta di una pagina del Corriere del 1972 con la previsione del professor Pasquale Saraceno, espressa in un rapporto per l’allora ministero del bilancio. Sembrerebbe quasi una delle tante fake news che girano sui social ma a confermare l’autenticità di quella pagina dello storico quotidiano è la giornalista Corinna De Cesare che scrive da 13 anni proprio per il Corriere della Sera.

“Per deformazione professionale, ho voluto verificare – scrive De Cesare – La pagina è vera, pubblicata sul Corriere della Sera del 13 Settembre 1972. Il titolo, la data di pubblicazione, il divario, tutto vero. Tranne la sfortunata previsione del 2020. Perché ora che ci siamo davvero, nel 2020, lo possiamo dire con franchezza: il divario non solo c’è ma si è pure allargato come ha raccontato bene il preciso rapporto Svimez, pubblicato appena due mesi fa”

“Lo svantaggio meridionale è diventato così molto marcato – aggiunge De Cesare – anche per la spesa in formazione, ricerca, sviluppo e cultura. L’assistenza sanitaria? Chi ha problemi di salute o si deve operare, spesso va al Nord: circa il 10% dei ricoverati per interventi chirurgici acuti si sposta dal Sud verso altre regioni. Ma le differenze Nord/Sud raggiungono vette inconcepibili sull’offerta di scuole per l’infanzia e la formazione universitaria. Senza contare il tasso di attività e occupazione femminile: nel 2018 il Sud ha perso ulteriore terreno, superata perfino da Ceuta e Melilla, dalla Guyane francese e dalla Macedonia”