La volontà c’è. Ora bisogna trovare i soldi per pagare la quota annuale. Il consiglio comunale di Castelvetrano ha detto sì per fare aderire nuovamente il Comune all’Associazione nazionale “Città dell’olio”. La mozione l’ha presentata il consigliere comunale Enza Viola e il massimo consesso civico l’ha votata all’unanimità. «Aderire alla città dell’olio non deve essere visto come un costo o un peso per la nostra comunità, ma più che altro come un investimento», ha puntualizzato la Viola.

A raccontare che il Comune da anni non aderisce più all’Associazione è stato CastelvetranoSelinunte.it. I commissari straordinari non pagarono la quota e decisero di far uscire Castelvetranon dal circuito che mette insieme le città che hanno sul proprio territorio ulivi e producono olio. L’Amministrazione comunale guidata da Enzo Alfano non ci ha pensato a rinnovare la quota di iscrizione e così Castelvetrano è rimasta tagliata fuori.

Ora il consiglio comunale ha detto di sì per tornare dentro l’Associazione. Ma bisognerà capire se la Giunta, con l’indirizzo del consiglio, provvederà a deliberare il pagamento della quota di quasi 2.000 euro. In caso contrario i consiglieri sono stati chiari: si autotasseranno con 50 euro ciascuno per così raggiungere l’importo da bonificare.