ASCOLTA L'ARTICOLO

Dal 15 al 18 novembre gli alunni delle classi terze e quarte del 2° Circolo Didattico R. Settimo  hanno aderito all’iniziativa LIBRIAMOCI 2021 GIORNATE DI LETTURA NELLE SCUOLE, un appuntamento a cui ogni anno la Scuola partecipa con grande entusiasmo per risvegliare, esercitare e coltivare il  sentimento della “meraviglia” per la lettura. L’obiettivo del Progetto, promosso dal Ministero della Cultura, attraverso il Centro per il libro e la lettura e dal MIUR  è da sempre quello di diffondere e accrescere l’amore per i libri e l’abitudine alla lettura, attraverso momenti di ascolto e partecipazione attiva. Per sottolineare quanto i libri siano un’esperienza gioiosa, uno strumento e un filtro essenziali per comprendere la realtà, quest’anno il tema istituzionale è stato incentrato sul Gioco : attività leggera ma anche serissima, capace di divertire e allo stesso tempo di far riflettere, che apre la mente e allena alla vita.

 

Il  filone tematico a cui gli alunni si sono ispirati riguarda  I Giochi diVersi: combinando  parole e suoni gli alunni hanno dato  vita a espressioni e forme letterarie entusiasmanti ed originali  organizzando  una  “maratona letteraria tra le classi”. Gli alunni delle classi terze hanno letto e approfondito il testo  “La legenda del paese dove nascono le parole” di Michela Guidi,  scoprendo attraverso originali riflessioni  che la Scuola serve a rendere belle le parole, ma solo i bambini e il cuore delle persone possono renderle felici. Per l’occasione  hanno incontrato in modalità video conferenza   la lettrice, prof.ssa  Francesca Bianchi, che, dopo una coinvolgente lettura animata, ha  espresso il desiderio di conoscere il percorso portato avanti dagli alunni fatto di invenzioni di  giochi  con parole in rima come  “scarabirimiamoci”, costruzione  dell’ albero delle parole, poesie in inglese, originali acrostici   e filastrocche inventate dagli alunni, canzoni con  parole  gentili.

 

Non sono mancate le riflessioni  sul valore delle parole e sul buon uso che è bene farne, poiché   essendo “Vive” hanno il potere di  rendere felice chi le ascolta. Gli alunni delle classi quarte hanno affrontato la tematica dell’allegria attraverso la lettura di  “Cento Storie e Filastrocche”, “Teste Fiorite”, “Favole a Rovescio”, “I viaggi di Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari e  hanno incontrato  in presenza il prof. Rosario Atria, lettore d’eccezione, docente di lettere presso il Liceo Classico G.Pantaleo di  Castelvetrano. Un’occasione, -sottolinea il Prof. Rosario Atria, piacevolmente emozionato nell’incontrare i giovani alunni- per rileggere un poeta, uno scrittore,  che ha regalato al mondo opere indimenticabili e la più bella e rivoluzionaria delle verità: la fantasia ci rende liberi. Il riso, lo sguardo divertito, la felicità, l’ostinazione, l’avventura, i fraintendimenti, … c’è tutto in Rodari e leggerlo insieme oggi  lascia un’impressione particolarmente coinvolgente– aggiunge-.  L’intenso percorso portato avanti dagli alunni insieme agli insegnanti è stato  fatto di  cento storie, cento immagini, cento emozioni, cento idee geniali, cento spunti per riflettere, cento modi per dire sì all’allegria, alla fantasia, alla creatività, alla speranza in un domani migliore. Proprio la tematica dell’allegria è emersa  attraverso  i lavori realizzati con entusiasmo e dedizione  dagli alunni: riflessioni, poesie, filastrocche, disegni, acrostici, originali creazioni poetiche e letterarie, realizzazione di segnalibri personalizzati per l’occasione.

 

Il percorso svolto ha lasciato nella   memoria degli alunni  una sensazione di gioia scherzosa anche quando si  parla di cose  serie, regalando loro  ogni giorno un pensiero, un’immagine, una parola differente, ma senza dubbio significativa. L’iniziativa Libriamoci  che si basa sull’idea della lettura ad alta voce e dell’incontro con l’autore,- sottolinea la Dirigente, prof.ssa Maria Luisa Simanella-, intende stimolare un cambiamento, attraverso  un nuovo approccio che metta in luce la natura fortemente libera e ludica della lettura,  ridisegnando  il rapporto tra i libri e gli alunni e individuando  nella lettura ad alta voce un momento prezioso della giornata in cui ai bambini si concede il diritto più importante di tutti, quello della fantasia e dell’immaginazione gratuita e spensierata, perché leggere insieme a loro è come aprire porte su mondi fantastici!. Grazie alla straordinaria creatività e all’impegno di alunni e insegnanti che ogni anno si adoperano in occasione della campagna  Libriamoci si è costituta una rete di buone pratiche e collaborazioni sul territorio così ricca che i progetti e i contenuti ideati per l’occasione proseguono spesso per tutto l’anno, contribuendo ancor più a consolidare le fondamenta dell’abitudine al piacere della lettura.

 

 

 

AUTORE.