Questo weekend si svolgerà a Castelvetrano il mercato fieristico nella Via Tagliata in occasione della ricorrenza della Festa di Maria SS. della Tagliata.

Vi proponiamo versione integrale della poesia “La fera di la Tagghiata” del nostro concittadino Nino Atria, pubblicata nella raccolta “Cialoma” del 1909.

La fera di la Madonna di la Tagghiata a Castedduvitranu

chiesa-tagliata-castelvetrano-3Iemu tutti a la Tagghiata
chi la festa è cuminciata,
e lu patri cappillanu,
dici già a lu sagristanu:
Masi, sona! Campania!
pi la Vergini Maria.

Sona, sona e ‘un ti stancari,
chi ssi corpa su’ dinari.
E lu vecchiu mastru Masi,
circundatu di vastasi,
‘nta li frischi e ‘nta li vuci,
futta subitu la cruci,
pigghia ‘mmanu lu battagghiu,
e ti forma un gran riquagghiu
di sullenni battagghiati,
tutti mali cafuddati.

Già li tenni su’ davanti,
di li soliti feranti,
cu nziridda e bummuliddi,
p’accurdari picciliddi :
E li loggi sunnu chini
di pignati e cunculini,
di cucchiari e cucchiaruna,
di furchetti e furchittuna;
di rinali e di cannati,
di buttigghi smirigghiati,
di piatta, di latteri,
di biccheri e cannileri;
di cosetti, di scarpini,
di liacci e di tappini,
di cirotti, di picati
pi li beddi ‘nnamurati:
di spiruna, di stivali,
di siringhi e di vracali.

E cchiù sutta, di corpetti,
di pruvigghia e sapunetti;
di fadali riccamati,
pi li fimmini ‘mpupati;
di birritti e birrittuna,
di cammisi e di buttuna,
di cravatti mafiusi
pi li ti fimmini pastusi.

E poi vennu li trummetti,
sampugneddi ed organetti,
mariola e carruzzeddi,
friscaletti e tammureddi,
cavadduzzi e pupi tisi,
comu chiddi di paisi;
roti, baddi, sciampulicchi,
furminanti e scupitticchi.

E cchiù sutta: zimmiluna,
coffi granni e cartidduna,
muscalora o ritunnedda,
scupi, cordi e vardunedda;
casci, scali, tavulina,
cridinzeri e commodina,
beddi pili e stricatura,
scrafaletti e scannatura.

Tutta chistu ‘nta ‘na strata,
dunni c’è ‘na gran fumata,
un oduri di sosizza,
una vera cuntintizza ;
mentri l’omu tozza tozza,
si pistìa li caddozza,
cuntinenti tutti sorti,
di ‘mmiscugghi e carni morti.
«Veni mancia! veni frii! — »
pi dicenza ‘un ci scattii,
a dda carni tutta esposta,
‘nta la strata a bella posta;
a ddi beddi milinciani
fatti a quagghi sani sani,
a ddu cristu di patati,
pezza pezza o sfarinati ;
a dda calia, a ddu turruni,
a ddi feddi di muluni,
a ddi persichi, a ddi nuci,
a dda figghia bona e duci,
chi a la fera si nni scinni,
ch’ avi chiamu e tuttu vinni ;
di lu gaddu ‘nta lu jocu,
di la ‘ntinna e di lu focu.—
Supra un pezzu di rampanti,
ci su’ sbirri e commercianti,
scecchi, muli cu campani,
porci, ed autri cristiani;
e tra chisti su’ vinnuti
tanti razzi di curnuti.
Versu già l’avimaria,
a la Vergini Maria,
si prisentanu li squatri,
di li figghi e di li patri;
pirchì è un veru gran piccatu
quannu un patri sciliratu,
nun cunnuci ‘nta la fera,
chidda figghia chi lu spera.
E si vìdinu calari,
tanti figghi beddi e cari,
tutti ‘ncerca di furtuna,
‘nta li grida e 1’ammuttuna.
Poi si senti: A tia ! pastnsa
ch’ è ‘na cosa scannalusa
e cchiù supra, ‘na gridata,
pi ‘na granni cutiddata:
Patri e matri, mi sintiti?
pi la fera nun nisciti.
‘Mmezzu a tanti mbriacuna,
ah ! si perdi la furtuna !
‘nta ‘ssa sorti di jurnati,
ci pirditi li pidati,
e lu patri Cappillanu,
cu la burza ‘nta li manu,
sta a la porta ad aspittari,
e vi scippa li dinari :
mentri Masi Campania,
pi la Vergini Maria,
e cafudda battagghiati
senza sentiri pietati. —
Nun si vidi,’un si discurri,
e lu tempu mentri curri;
veni ‘ntantu la nuttata,
e finisci a pagghiazzata.

Nino Atria