Nel corso dell’operazione, oltre al capo della famiglia LEONARDO BONAFEDE, inteso “u zu Nardino”, è stato arrestato FILIPPO GRECO, noto imprenditore di Campobello, da tempo trasferitosi a Gallarate (VA), ritenuto uno dei principali finanziatori nonché il “consigliere economico” dell’organizzazione mafiosa.
Misure cautelari sono state inoltre eseguite nei confronti di CATALDO LA ROSA e SIMONE MANGIARACINA, considerati il “braccio operativo” del capo della famiglia mafiosa.

Destinatari dei provvedimenti cautelari sono inoltre: CALOGERO RANDAZZO, già condannato per associazione mafiosa; GASPARE LIPARI, che avrebbe svolto la funzione di “collegamento” tra il sindaco ed il capomafia; VITO SISGNORELLO, anche egli condannato per mafia.

clicca qui per conoscere i dettagli dell’inchiesta