Voci per la speranza, note per credere nella vita: un inno-gospel tutto made in Sicily per rinascere dopo aver detto no a soprusi e angherie subiti per il sol fatto di essere donne. Si intitola “Guarda avanti” il brano-inno alla rinascita delle donne vittime di violenza, prodotto dall’associazione “Palma Vitae”. La canzone inedita conta su: testo di Luana Rondinelli e Gregorio Caimi che ha curato anche le musiche e le voci di: Roberta Caly, Paola Giacalone, Debora Messina, Claudia Scirè e Lea Pavia. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Partanna.

Si tratta di un testo in musica dalle sonorità gospel che raccoglie le riflessioni delle socie dell’associazione che si sono interrogate su cosa poter dire alle donne vittime di violenza. Ne è nato un messaggio di forza e coraggio per sostenere ognuna nel chiedere aiuto e nel recuperare la propria dignità e libertà. Il progetto è stato condiviso con l’artista marsalese Luana Rondinelli, da sempre impegnata a favore delle donne, che ha abbracciato subito l’idea di contribuire a tradurre le suggestioni e le riflessioni dell’associazione Palma Vitae insieme al musicista Gregorio Caimi e al suo gruppo I Musicanti.

«Solo unendo le forze si possono lanciare messaggi concreti – commenta Luana Rondinelli – volevamo creare un evento che desse speranza e coraggio alle donne vittime di violenza». Per partecipare alla presentazione è semplice: oggi (venerdì 27 novembre), alle ore 18,30, basta collegarsi al link https://zoom.us/j/95743516416 e digitare la passcode: 282892.

«Abbiamo pensato ad un lavoro corale, un’unione di voci per un messaggio unico contro la violenza sulle donne – afferma Giusy Agueli – solo mettendo insieme tante energie possiamo essere più forti nell’affrontare le situazioni di violenza e dare aiuto alle donne che si trovano in difficoltà».