Dare lo stesso spazio ai figli dei mafiosi come ai figli
delle vittime
non si addice certamente al ruolo del servizio pubblico che ha
l’obbligo di promuovere anche la crescita sociale e culturale dei cittadini

figlio toto riina vespa
Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta.

Non credo affatto che il figlio di Riina possa parlare male del proprio genitore, – aggiunge Crocetta – solo che noi abbiamo il dovere di parlarne male perchè ha fatto stragi, ha terrorizzato i cittadini, ha bloccato lo sviluppo e la crescita della nostra Regione.

Faccio appello alla Rai perchè non mandi in onda un’intervista che sconvolgerebbe fortemente la coscienza di quanti, in questi anni, hanno rischiato la vita per combattere la mafia e dei tanti cittadini siciliani che con dure battaglie, – conclude il presidente – stanno cercando di liberarsi dall’oppressione mafiosa