Voglimi SELINUNTE

Lo spettacolo della nuova Accademia Arte e Movimento di Castelvetrano, ha calato il sipario con un enorme successo e grandissime soddisfazioni per la serata finale dello STAGE che si è tenuta presso l’albergo ALTHEA di Castelvetrano giorno 29 giugno con evento moderato dal Dott. Vittorio Brusca che per l’occasione ha prodotto alcuni testi che hanno suscitato un particolare interesse da parte dei presenti.

Fiore all’occhiello di una disciplina eclettica ed elegante, la scuola di danza fondata da Elvira Biondo circa 35 anni fa, pone particolare attenzione al confronto creativo con professionalità della danza esterna al territorio in cui opera. Un’offerta formativa che tiene conto dell’allievo nella sua interezza, sia dal punto di vista fisico che intellettuale. Un progetto che inserisce l’allievo nel mondo attuale con la concretezza che solo l’arte della comunicazione può fornire.

Foto di Gianni Polizzi

Lo stage della durata di tre giorni ha visto la preziosa presenza  della Maestra Angela Abbigliati, già prima ballerina del teatro Massimo di Palermo.

Le allieve e gli allievi della scuola Nuova Accademia, si sono esibiti alla presenza di un pubblico molto gradito, a partecipare all’evento infatti il Sindaco di Castelvetrano Enzo Alfano, l’Arciprete di Castelvetrano Don Giuseppe Undari, il Prof. Francesco Saverio Calcara, il Dr Giuseppe Caramazza responsabile regionale M.S.P. danza, Nicola Mariga maestro meditazione yoga.

La Maestra Elvira Biondo, nell’augurare ai genitori un felice proseguimento dell’attività artistica dei propri figli, ha evidenziato il valore della danza anche da un punto di vista culturale ed organizzativo.

Durante lo STAGE sono state inoltre assegnate quattro borse di studio ad Anna Vasile,  Marco Vaiana, Daniel Riti, Giuseppe Fontana.

La danza è spesso uno schema rigoroso e imprescindibile per chiunque voglia conoscere davvero a fondo, l’arte del movimento è disciplina, impegno, dedizione e costanza, richiede duro lavoro ma la soddisfazione del balletto è impagabile. I bambini vi si dedicano con trasporto perché, ancora oggi, diventare ballerini è un sogno pieno di grazia e bellezza.

“Danzare – diceva Jean-Louis Barrault – è lottare contro tutto ciò che ci trattiene, tutto ciò che ci affonda, tutto ciò che pesa e appesantisce, è scoprire con il proprio corpo l’essenza, l’anima della vita, è entrare in contatto fisico con la libertà”

Foto di Gianni Polizzi

Foto di Gianni Polizzi

Foto di Gianni Polizzi