Giuseppina Torregrossa_foto

«Palermo, 1940. Profumo di caffè appena tostato. Il cuore della famiglia Olivares batte nella bottega di una torrefazione nel cuore antico della città». È lì che ha inizio la storia raccontata da Giuseppina Torregrossa nell’ultimo dei suo romanzi, “La miscela segreta di casa Olivares”, edito da Mondadori, che sarà presentato domenica 18 maggio, alle 17:30, nella libreria Mondadori-Area 14. L’incontro è promosso dalla sezione di Castelvetrano della Fildis.

Un romanzo suggestivo, di amori e di passioni, che celebra la forza di tutte le donne. La storia è ambientata in una Palermo bella e decadente, sgretolata dalla guerra. Il destino della città s’intreccia indissolubilmente con quello di una famiglia, gli Olivares, dove le donne portano nomi di fiori e sanno leggere fondi di caffè. Protagonista è Genziana, il più bel fiore tra i figli di Roberto Olivares, che ha chiamato come lei la qualità più pregiata di caffè. La trama è corposa e inebriante, colma di sensualità e fondata su un possente nucleo familiare. L’odore di caffè permea le pagine del libro.

Un’autrice da 200.000 copie. Giuseppina Torregrossa, nata a Palermo e madre di tre figli, è un medico ginecologo e vive tra la Sicilia e Roma. Nel 2007 è uscito il suo primo romanzo, “L’assaggiatrice” (Rubbettino). Ha poi pubblicato “Adele” (Nottetempo 2012) e, per Mondadori, “Il conto delle minne” (2009), “Manna e miele, ferro e fuoco” (2011) e “Panza e prisenza” (2012).

La miscela segreta di casa Olivares_copertina (1)Durante l’incontro, aperto al pubblico, Giuseppina Torregrossa dialogherà con Anna Maria Crescente (past-presidente della Fildis). La lettura dei brani è affidata all’attrice teatrale siciliana Stefania Blandeburgo.

L’appuntamento fa parte della rassegna “Incontri con l’autore” promossa dalla libreria Mondadori-Area 14 al fine di promuovere l’amore per la lettura e di dare spazio alla produzione culturale del territorio.

L’Ufficio stampa
Antonella Bonsignore