Riportiamo di seguito la nota dell’Avv. Matilde Mattozzi in riferimento ai fatti avvenuti lo scorso 12 luglio a Marinella di Selinunte, nei pressi del locale Voglimi.

“In merito alle notizie pubblicate da varie testate, alcune delle quali riportano che due giovani castelvetranesi sarebbero stati picchiati dai buttafuori di un noto locale della movida selinuntina, nella qualità di difensore degli addetti alla sicurezza presenti sul posto la sera in cui si é verificato il fatto che ha visto coinvolti i due giovani, smentisco categoricamente la ricostruzione data alla stampa dai giovani in questione.

Gli addetti alla sicurezza, tutti in carico ad una agenzia specializzata e tutti di comprovata esperienza, sono stati ostacolati mentre, durante l’espletamento del loro servizio, provvedevano a separare e ad allontanare dal locale due ragazzini che litigavano fra loro per futili motivi; durante queste operazioni sono stati presi di mira da alcuni soggetti che hanno cercato di immobilizzarli aizzando contro di loro un nutrito numero di astanti lamentando di essere stati disturbati mentre sostavano sulla scala, essendo stato loro richiesto di lasciare libera la via d’uscita del locale per consentire agli addetti di allontanare i due litiganti; a seguito di tale condotta si é verificato un inizio di tafferuglio che ha visto gli addetti alla sicurezza, in evidente inferiorità numerica, fronteggiare un gruppo di facinorosi, alcuni dei quali in preda ai fumi dell’alcool.

Al fine di garantire il corretto svolgimento delle operazioni di sgombero della via di accesso e di fuga al locale presidiato, gli addetti alla sicurezza, nonostante fossero stati aggrediti, hanno provveduto a neutralizzare gli aggressori e ad allontanarli dall’ingresso del locale.

I miei assistiti sono stati colpiti con pugni e calci ed anche con cinture ed hanno riportato svariate lesioni per le quali sono stati refertati presso il locale pronto soccorso .
Il loro operato, data la situazione di emergenza nella quale si sono trovati, é assolutamente esente da censure così come sarà verificato in corso di accertamenti ; al contempo sarà sottoposto al vaglio della Magistratura il comportamento di coloro i quali hanno aggredito e cagionato lesioni ai miei assistiti.

Avv Matilde Mattozzi