Il gup Francesco Parrinello ha rinviato a giudizio 24 persone accusate di fare parte di una organizzazione, con basi operative a Castelvetrano e Mazara, dedita ai furti di cavi di rame.

Il rame sarebbe stato razziato tra il 2007 e il 2008 in diversi centri della provincia di Trapani (Mazara, Castelvetrano, Marsala, Salaparuta) e anche nella zona di Sciacca. I furti di cavi di rame, naturalmente, hanno avuto, spesso, come conseguenza dei “black out” nell’erogazione dell’energia elettrica.