castelvetrano-carabinieri-2013

Continua incessante da parte dei carabinieri della Compagnia di Castelvetrano l’attività di contrasto al fenomeno dei furti e dei borseggi. Nella serata di domenica scorsa, a Castelvetrano, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato Pugliese Vito, castelvetranese di 21 anni, resosi responsabile del reato di furto aggravato continuato.

Il giovane, verso le 15.30, ha sottratto il portafogli di un castelvetranese di 52 anni che si era fermato ad acquistare le sigarette presso un distributore automatico sito in Viale Roma, lasciando il portafogli sul sedile della propria auto, che era rimasta parcheggiata con il finestrino aperto. Tornando a bordo dell’auto, il portafogli non c’era più.

Dopo circa due ore Pugliese si è impossessato anche del borsello di un’anziana signora che si trovava a festeggiare un compleanno presso il punto commerciale “Piazza di Ermes”, anch’esso sito in Viale Roma. La donna, che custodiva il borsello all’interno di una borsa, si è accorta del patito furto soltanto quando è stata contattata telefonicamente dai carabinieri che nel frattempo, sulla scorta delle indicazioni fornite dalla prima vittima, si erano posti alla ricerca del malvivente e lo avevano trovato e fermato con addosso alcune carte di credito intestate proprio all’anziana signora.

Pugliese è stato quindi portato in caserma dove ha successivamente fornito indicazioni per consentire il ritrovamento dei due portafogli rubati, che erano stati nascosti in posti diversi.

Nei portafogli erano custodite carte di credito e documenti personali, tutti recuperati. La refurtiva è stata quindi immediatamente restituita ai legittimi proprietari, che nel frattempo avevano raggiunto gli uffici del Nucleo Operativo e Radiomobile per sporgere formale denuncia-querela di furto.

Il giovane, già arrestato anche in passato per lo stesso reato, è stato dichiarato in arresto per furto aggravato continuato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Castelvetrano in attesa del giudizio con rito direttissimo. Questo si è tenuto nella mattinata di lunedì dinanzi al GIP del Tribunale di Marsala che ha condannato Pugliese alla pena di 4 mesi e 20 giorni di reclusione, pena sospesa.

Nei prossimi giorni saranno ulteriormente intensificati, anche mediante l’impiego dei motociclisti, i servizi di controllo del territorio per una maggiore prevenzione e contrasto di furti e scippi. Dall’inizio dell’anno i carabinieri della Compagnia di Castelvetrano hanno svolto una significativa attività di repressione del fenomeno dei furti, operando circa trenta arresti in flagranza e oltre centocinquanta denunce in stato di libertà.

Comunicato stampa del 16.07.2014 CC. Castelvetrano