Il presidente del consiglio comunale di Castelvetrano, Francesco Lombardo, è stato eletto all’unanimità quale vice-presidente dell’associazione nazionale Città dell’Olio; la nomina è avvenuta nel corso dell’ultimo consiglio direttivo, alla presenza del presidente Enrico Lupi.

Francesco Lombardo, già consigliere ed assessore del nostro comune, aveva già ricoperto un incarico prestigioso in seno all’associazione, infatti per 4 anni aveva rivestito il ruolo di coordinatore per la regione Sicilia, a conferma della bontà del suo operato oggi arriva questo prestigioso riconoscimento.

L’Associazione Nazionale Città dell’Olio ha sede a villa Parigini, nel Comune di Monteriggioni in provincia di Siena. Fondata nel dicembre 1994, riunisce circa 350 tra Comunità Montane, Camere di Commercio, Provincie e Comuni, di 17 regioni italiane, a chiara vocazione olivicola, per promuovere l’olio extravergine di oliva ed i territori di produzione, riconoscendone il fondamentale ruolo della tradizione agricola, alimentare e culturale.

“Il compito dell’Associazione è quello di divulgare la cultura dell’olivo e dell’olio di oliva di qualità, tutelare e promuovere l’ambiente ed il paesaggio olivicolo- afferma Lombardo- nonché diffondere la storia dell’olivicoltura, garantire il consumatore attraverso la valorizzazione delle denominazioni di origine, l’organizzazione di eventi, l’attuazione di strategie di comunicazione e di marketing-conclude Lombardo- sono particolarmente orgoglioso di questo ruolo che onorerò al meglio delle mie possibilità”. Il sindaco della città di Castelvetrano, dr. Gianni Pompeo, appresa la notizia ha voluto pubblicamente manifestare, in consiglio comunale, l’apprezzamento per Lombardo: “Esprimo il mio compiacimento per il prestigioso riconoscimento raggiunto dal presidente Lombardo che rappresenta un premio per il suo operato e che deve diventare ulteriore volano per lanciare definitivamente il brand Castelvetrano nel nostro Paese- afferma il sindaco- la vice-presidenza nazionale di città dell’olio, che si aggiunge a quella altrettanto prestigiosa di città del pane, potranno consentire interessanti margini di crescita per i nostri prodotti di eccellenza”.