La Formula 2 nasce innanzitutto come serie automobilistica e tutt’ora continua ad esserlo. È stata introdotta nuovamente nel 2009 dopo un periodo di lungo annullamento, nel 2013 è stata ancora cancellata e fortunatamente 2 anni dopo la FIA ha optato per una nuova reintroduzione: non a caso la formula 2 è tornata nel 2017.

Viene da chiedersi dunque quale sia la differenza con la Formula 1: la principale differenziazione risiede nell’uso dei motori che sono di dimensioni ridotte e molto meno potenti. Inizialmente la formula 2 nasce come propedeutica rispetto alla formula 1, si tratta di un campionato molto simile ma al contempo differente per regole e tipologia dei motori. La prossima stagione della formula 2 è iniziata il 28 marzo per poi chiudersi il 5 dicembre: totalmente saranno 8 tappe.

La competizione avviene con l’utilizzo di monoposto, si tratta di una delle gare più celebri e importanti, seconda solo alla Formula 1. Ovviamente, così come accade per la Formula 1, anche la Formula 2 è caratterizzata da regole predefinite: in primo luogo tutti i piloti gareggiano con la medesima auto, si tratta di un monoposto assai simile a quello della formula 1 ma con il motore di dimensione assai più ridotta.

Vi sono in totale 11 squadre e quindi 22 piloti, i circuiti dove si corre sono i medesimi della formula 1, effettivamente le gare avvengono nei medesimi weekend, per ogni tappa verranno svolte ben 2 gare (modificate di recente a tre).

Vincere in Formula 2 è particolarmente importante: non si tratta soltanto di una questione di lustro o di gloria ma di un motivo in più per i piloti di ottenere la cosiddetta super licenza ovvero l’autorizzazione fondamentale per poter approdare nella formula 1: sono necessari 40 punti e per ottenerli vi è un preciso punteggio/calcolo.

Com’è possibile ottenere tutti questi punti? Bisogna considerare che la formula 2 è retta da specifiche regole: i primi tre classificati ottengono tutti i punti necessari, il quarto ne riceve 30 e il quinto fino a 20 punti.

Si tratta ad ogni modo di una categoria che nasce con l’intento di creare una sfida per i ragazzi, sfida che ha molto a ch vedere con la formula 1…. Basti pensare ad esempio che sono quasi 40 i piloti che sono passati tra la Formula 2 e la Formula 1, uno dei più importanti è stato Sergio Perez… In definitiva sarebbe possibile anche paragonare la Formula 2 alla serie B nel calcio: si tratta di un confronto molto diretto che rende assolutamente bene l’idea.

Per quanto riguarda le gare, si svolgono due per weekend, una durante il sabato pomeriggio e una durante la mattina. In realtà questa organizzazione nel 2021 è mutata: sia la formula 2 sia la formula 3 potenzieranno da 2 a 3 le gare per ogni fine settimana senza mai combaciare. Come già ricordato, ognuno gareggia per ottenere punti e i punti sono un ottimo biglietto da visita per poter entrare in formula 1: nello specifico sono assegnati punti fino ai primi 10 nella gara, ovviamente questo parametro è soggetto a modifiche perché dipende sostanzialmente dalla lunghezza della gara complessiva.

Altri punti verranno assegnati anche a chi effettua il giro più veloce ma soltanto se rientra all’interno della classifica dei primi 10 (ovviamente in questo caso, bisogna puntualizzare che non è compreso mettere gomme nuove, potrebbe essere un vantaggio) . Altri punti vengono assegnati all’autore che è stato quasi sempre in pole position. Inoltre gli schieramenti dei piloti non sono mai disposti in maniera casuale: se un pilota vince durante la gara 1, allora sarà piazzato nella gara 2 in maniera tale da dover compiere dei sorpassi necessari per potersi piazzare e ottenere un ottimo risultato. Ovviamente bisogna immaginare che i piloti della Formula 2 sono super scrutati e avvertono tutta la tensione prima della gara.

Questi piloti infatti hanno addosso gli occhi dei manager che sono sempre pronti a puntualizzare ogni momento della loro prestazione. Quindi la Formula 2 per certi versi ha un cario d’ansia notevole perché i piloti sono chiamati a far bene per ottenere punti e per poter avere il passepartout per la Formula 1.

Bisogna considerare che a partire dai primi anni 2000, le automobili di Formula 2 erano motori a benzina privi di piombo che venivano venduti per €70.000, ovviamente la conformazione del motore è assai diversa da quella della Formula 1. Le regole invece sono abbastanza simili: i piloti una volta preso parte al campionato dovranno partecipare in maniera corretta, confermando la loro prenotazione e la loro assenza ovviamente preventivamente. Durante ogni gara saranno nominate alcune persone che hanno il compito di controllare che le diverse autovetture rispettino il regolamento.

Se ti interessa guadagnare scommettendo sugli incontri sportivi ti consigliamo di controllare i siti di bonus scommesse come www.bonusscommesse360.it.

Continuando il discorso.. Ovviamente viene nominato anche un fotografo (o più fotografi) che avranno il dovere di scattare una foto ai risultati della gara e di trasmetterli. Ovviamente a rendere valida una gara è il completamento: dovrà essere completata almeno per la metà dei giri previsti. In Formula 2 non saranno permessi tutti gli aiuti a disposizione ma soltanto il cambio automatico la “trazione media”, la traiettoria “solo curva”.