Niente teatralizzazione urbana dedicata alla vita del Santo e niente processione. Sarà una festa di San Giovanni Battista in austerity quella che mercoledì vivranno i castelvetranesi per onorare il proprio Patrono. I festeggiamenti sono stati annullati per le disposizioni governative che vietano gli assembramenti e per la scelta dei Vescovi siciliani di vietare – a sua volta – le processioni.

Così quest’anno San Giovanni Battista – patrono di Castelvetrano – verrà celebrato nelle quattro sante messe in programma per mercoledì nella parrocchia San Giovanni: alle 9, 11, 18 (celebrate da don Giuseppe Undari) e alle 19,30, quest’ultima presieduta dal Vescovo monsignor Domenico Mogavero.

 Il Comune, intanto, ha predisposto la chiusura pomeridiana di mercoledì 24 per tutti gli esercenti il commercio al dettaglio sia alimentare che non alimentare della città. Potranno rimanere aperti i pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande. Nelle frazioni di Triscina e Marinella di Selinunte le attività potranno rimanere aperte.