Facebook ha diffuso un’opzione che permette di segnalare i post degli amici ritenuti a rischio di suicidio o autolesionismo. L’opzione, che era stata introdotta in una versione di prova a febbraio del 2015 negli Stati Uniti, da oggi è disponibile in tutte le lingue in cui è disponibile Facebook, come hanno annunciato in un post gli sviluppatori incaricati del progetto.

facebook opzione suicidio

La nuova funzione è stata concepita in collaborazione con associazioni per la prevenzione dei suicidi: permette di segnalare tutti i contenuti in cui vengano espressi propositi o comportamenti che potrebbero essere autolesionisti o suicidi.

La segnalazione non è immediata e richiede alcuni passaggi: bisogna prima cliccare su “Segnala questo post”, poi su “Ritengo che non dovrebbe essere su Facebook”, e solo a questo punto si arriva alla vera e propria nuova funzione:L’ultimo passo propone all’utente di contattare direttamente l’amico oppure di chiedere a Facebook di esaminare il post e dare assistenza a chi lo ha pubblicato.

Le segnalazioni ricevute da Facebook sono esaminate da una squadra specializzata che dà la priorità ai casi che sembrano richiedere un intervento più tempestivo. La persona il cui contenuto è stato segnalato riceverà un messaggio sotto un cuore blu: «Qualcuno che ha visto il tuo post pensa che tu stia attraversando un periodo difficile. Se ti serve aiuto, noi siamo qui».

All’utente vengono quindi proposte delle opzioni tra cui scegliere: contattare un amico, chiamare un numero di assistenza telefonica, ottenere dei consigli oppure ignorare il messaggio.

Facebook non è la prima azienda a prendere iniziative per prevenire i suicidi: Siri, l’assistente vicale di Apple, dal 2013 propone di telefonare a un numero di assistenza a chi esprime il desiderio di suicidarsi; anche Google e gli altri motori di ricerca più diffusi propongono i numeri di telefono di associazioni per la prevenzione dei suicidi a chi cerca la parola “suicidio”.