Anche nella settimana di Ferragosto, il Sindaco Errante ed i suoi interessati alleati offendono l’intelligenza di noi cittadini, rappresentandoci l’ennesima distribuzione di poltrone, “necessitata” dalle dimissioni “non volontarie” di tre assessori, come un’efficace strumento per aggredire i problemi della Città.

PARTITO DEMOCRATICO CASTELVETRANOMa è nella stessa dichiarazione del Sindaco, che subito mette le mani avanti per stoppare critiche ed osservazioni politiche al suo operato (“… Facile dare addosso al sindaco per la rimodulazione della giunta…. “), che sta la vera necessità di tre nuovi assessori: Allargare o consolidare le intese e le alleanze con alcune forze politiche o soggetti presenti sul territorio per la campagna elettorale prossima ufficialmente aperta dal Sindaco, a fronte di un immobilismo amministrativo in danno dell’intera comunità, dalla raccolta differenziata alla riscossione dei tributi locali.

Ed infatti c’è chi esce e chi entra per alimentare personali carrierismi politici, c’è chi esce e chi entra per rafforzare legami familiari, c’è chi esce e chi entra per rispettare impegni per pregressi sacrifici. C’è anche chi rimane al proprio posto.

Inaccettabile rimodulare la giunta in assenza del Consiglio Comunale, massimo organo di rappresentanza dei cittadini, luogo deputato al confronto democratico e all’indirizzo politico dell’amministrazione.

Si rende, oggi più che mai, necessario per la Città di Castelvetrano mostrare uno scatto di orgoglio, bloccando logiche di personale opportunismo politico che avvelenano le coscienze dei cittadini, riportando rigore morale nell’amministrazione della cosa pubblica e ritrovando il valore etico del rispetto e della dignità politica nei rapporti interpersonali e nelle scelte elettorali.

PARTITO DEMOCRATICO Circolo di Castelvetrano