ASCOLTA L'ARTICOLO

Dalla California in Sicilia sulle tracce della famiglia Florio. È la scelta che ha fatto Emma Krasov, ucraina di nascita ma trapiantata in California, una degli 11 blogger che per 5 giorni hanno girato la provincia di Trapani per il 1° “Fam Trip” organizzato dal Distretto turistico Sicilia Occidentale. Emma Krasov scrive sul suo magazine online “Real Travel Adventures” e in Sicilia per la prima volta è arrivata insieme al marito fotografo, il russo Yuri Krasov. La tappa di Favignana è stata quella più attesa per Emma Krasov, perché ha potuto scoprire un pezzo di storia della famiglia Florio, visitando la palazzina Florio e l’ex stabilimento della lavorazione del tonno: «Sui Florio mi ero documentata prima di arrivare in Sicilia – racconta Emma Krasov – ma mai avevo saputo che uno dei posti dove il tonno rosso veniva pescato, confezionato ed esportato era proprio Favignana, grazie alla famiglia Florio. Con l’occasione del “Fam Trip” ho avuto modo di toccare con mano parte della loro storia, visitando due luoghi “simbolo” a Favignana».

Sull’isola a raccontare l’epopea dei Florio agli 11 blogger è stata Maria Guccione, memoria storica di Favignana, che alla palazzina Florio ha fatto da guida anche nella visita al secondo piano nobile dove c’erano le stanze da letto della famiglia. La Krasov racconterà del suo viaggio con testi e immagini sul magazine www.realtraveladventures.com.

Foto, post, reel, storie: la provincia di Trapani in ottobre inoltrato, per 5 giorni è stata raccontata live con gli occhi di 11 blogger provenienti da tutto il mondo: Constanza Fernandez (Croazia), Penny Protopapa (Grecia), Amanda Lee O’Brien (UK), Seeling Antje (Germania), Gabriela Teisu (Amsterdam), Heli Pekkarinen (Finlandia), Rebecca Rendell (Spagna), Emma Krasov (California), Yuri Krasov (California), Danielle Leigh (UK). Blogger social che messe insieme contano più di 10 milioni di followers. Da Erice vetta ai paesi dell’agro-ericino, da San Vito Lo Capo a Scopello, i blogger hanno vissuto esperienze emozionanti tra arte, storia ed enogastronomia. In barca, ad esempio, dalla baia di San Vito hanno raggiunto i faraglioni di Scopello, scendendo a terra con un barchino fin dentro la tonnara, salendo poi al borgo e pranzando tra i vigneti.

A Trapani hanno incontrato, invece, il maestro dei coralli Platimiro Fiorenza, a Castellammare del Golfo hanno fatto visita al Museo del mare. A Gibellina visita al Museo d’arte contemporanea “Ludovico Corrao” e al Cretto di Burri, a Salemi ai laboratori del pane di San Giuseppe, mentre a Mazara del Vallo hanno ammirato il Satiro, facendo un tour nei vicoli della casba al tramonto. «La cosa che più mi rimarrà in mente è l’ospitalità, mi sono sentita accolta e benvenuta», ha detto Constanza Fernandez, avvocato cileno in diritti umani, oggi travel blogger di www.experiencingtheglobe.com.

Per il Distretto turistico Sicilia Occidentale, nato nel 2012 e al quale aderiscono 18 Comuni e 30 soci privati, il 1° “Fam Trip” è stato un’azione di internazionalizzazione: «Stando a casa nostra siamo riusciti a promuovere il nostro territorio in questo periodo autunnale – ha detto il Presidente del Distretto, Rosalia D’Alì – e questo è stato possibile grazie ai Comuni che hanno creduto nel progetto “West of Sicily”, all’interno del quale il “Fam Trip” è nato e si è realizzato».

AUTORE.