Una giovane artista di Castelvetrano firma la copertina dell’ultimo numero di Arbiter, una rivista di moda italiana che collabora con grandi firme del giornalismo e prestigiosi illustratori. La redazione della storica rivista ha infatti incaricato ad Elena Vavaro la produzione di un ritratto d’artista per rendere omaggio ad un illustre personaggio del XIX secolo, George Perkins Marsh.

Un dipinto ad acquerello su carta 100% cotone, dove il volto del pioniere americano dell’ecologia è immaginato come un montaggio di foglie e rami, che ne raccontano anche le origini americane, il lungo soggiorno in Italia e la vocazione ambientalista. Marsh voleva far comprendere a tutti che noi stiamo rischiando di mettere a repentaglio la nostra stessa sopravvivenza su questo pianeta: “L’uomo ha troppo dimenticato che la terra gli è stata concessa soltanto perché egli ne tragga frutto ma non la esaurisca”, scrisse nel 1864.

Con la sua prima mostra personale, avvenuta nel 2019, nella prestigiosa cornice dello studio d’arte Cannaviello di Milano, l’artista castelvetranese aveva già catturato l’interesse di alcuni collezionisti con i suoi acquerelli raffiguranti sempre figure umane che si intrecciano e si lasciano contaminare da elementi vegetali. Fondere figure umane e natura è la sua cifra stilistica. Un progetto che ha stimolato l’interesse anche di Franz Botré, direttore di Arbiter.

I primi di dicembre Elena riceve questo lavoro su commissione. Chi meglio di lei poteva rendere omaggio all’Ambasciatore dell’ambientalismo contemporaneo?

Elena Vavaro oggi vive a Milano ma è ancora molto legata alla tua terra. La Sicilia. Ha conseguito il diploma con il massimo dei voti presso l’Istituto d’Arte “don Gaspare Morello” di Mazara del Vallo per poi conseguire la laurea triennale e la specialistica presso l’Accademia delle Belle Arti di Palermo, anche qui con il massimo dei voti e la lode. Dopo gli studi si trasferisce a Milano, dove tutt’ora vive e lavora.

Ho realizzato l’opera mentre mi trovato a Castelvetrano – ci racconta Elena – Avrei tanto desiderato passare qualche momento in più con la mia famiglia ma era necessario completare questo lavoro. Ho portato con me, in Sicilia, tutto l’occorrente”

A noi piace pensare che i suoi genitori, costretti a vivere da lontano la carriera artista della propria figlia non potevano chiedere regalo migliore che vivere da vicino la produzione di una importante opera di Elena.

“Prima di prendere gli acquarelli, ho letto uno dei libri più importanti di Marsh – ci racconta ancora Elena – Era indispensabile per poterlo rappresentare in una mia opera. La sua particolare sensibilità nei confronti dell’ambiente hanno subito catturato la mia attenzione”

 

————————————————————
Dal 2007, il giornale online CastelvetranoSelinunte.it racconta la storia e le storie di Castelvetrano.
Leggi tutti gli articoli della categoria: BIOGRAFIE
————————————————————