In linea con la Raccomandazione europea sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente, è stato avviato lo scorso 28 aprile il progetto PON10.2.5A-FSEPON-SI-2019-133 Competenze traversali “Turismo esperienziale” con l’obiettivo di sviluppare la competenza imprenditoriale e lo spirito d’iniziativa nei giovanissimi studenti, proponendo loro attività creative volte a sviluppare un pensiero etico e sostenibile e quella capacità di “imparare ad imparare”, attraverso la pianificazione del proprio lavoro individuale ed in gruppo, puntando sugli aspetti metacognitivi che permettono di riflettere sul proprio processo di apprendimento.

L’uso del digitale attraverso le TIC, le nuove tecniche comunicative basate su attività di peer tutoring e cooperative learning, la promozione dell’identità locale attraverso la progettazione di “prodotti turistici territoriali” contribuiranno alla creazione di un’immagine del territorio anche in ambito nazionale ed internazionale, con il coinvolgimento di imprese del settore agricolo e artigianale. Un’esperienza di questo tipo è resa ancora più interessante in considerazione del fatto che il turismo esperienziale oggi si stia diffondendo sempre più come percorso fisico, emotivo, spirituale, sociale ed intellettuale, creando delle interazioni con le persone, la storia e le tradizioni locali. Il contatto con gli imprenditori agricoli, con gli artigiani e gli antichi mestieri permette agli studenti di scoprire e valorizzare le tradizioni e le identità locali.
Il potenziamento dell’educazione all’imprenditorialità diventa così la nuova frontiera dell’I. C. Capuana Pardo, nell’ ottica di creare nei giovani la mentalità e fornire loro competenze e conoscenze, presupposto indispensabile per lo sviluppo di una cultura imprenditoriale. In linea con i paesi europei, la scuola secondaria Capuana Pardo sta realizzando tre moduli didattici/esperienziali.

Tour operator in erba 1, Tour operator in erba 2 e Orto didattico multitasking sono i percorsi finanziati dal PON-FSE che si coniugano e integrano pienamente con il curricolo d’ istituto e con il curricolo nazionale d’ istruzione.
Lo sviluppo di nuove forme di imprenditorialità che operano nell’ambito del turismo, la promozione del turismo esperienziale, capace di offrire al turista un’autentica comprensione del territorio attraverso esperienze personalizzate e vissute in prima persona, costituiscono l’obiettivo principale dei percorsi. La partecipazione ad un hackathon sarà l’occasione per poter collaborare con altri soggetti, sviluppando le proprie idee in un processo condiviso di progettazione. La creazione di una piattaforma digitale in cui i turisti conosceranno la manualità e il “saper fare” degli antichi mestieri in via di estinzione, servirà, infine, alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Castelvetrano Selinunte e del territorio tutto.

Oltre alla produzione di materiale promozionale legato ai media tradizionali, una parte fondamentale della strategia di comunicazione sarà l’utilizzo dei media digitali. Il web 2.0 servirà a promuovere l’iniziativa ma anche ad interagire, relazionarsi e soprattutto conversare.

Le attività in aula saranno accompagnate da tour culturali, paesaggistici ed esperienze gastronomiche, un vero e proprio “tuffo nel passato” alla scoperta delle manifestazioni del folklore tipiche di Castelvetrano, come i giochi di un tempo che saranno messi a confronto con quelli attuali. Il percorso gastronomico, invece, vedrà la scoperta delle specificità culinarie del territorio come l’olio verde ed il pane nero.

Costituisce, inoltre, una straordinaria esperienza il modulo Orto didattico multitasking, per comprendere le opportunità e le modalità del fare impresa a partire da esperienze dirette nel territorio, attivando rapporti e sinergie speciali con attori del settore agroalimentare, turistico e gastronomico. Tale percorso risulta ancora più significativo in quanto introduce una didattica multidisciplinare in cui l’orto diventi lo strumento per le attività di educazione allo sviluppo sostenibile e al consumo consapevole. Gli alunni svilupperanno e potenzieranno il pensiero computazionale attraverso l’uso dei linguaggi di programmazione. Infatti i ragazzi realizzeranno, attraverso strumenti open source, una app di smartphone, fruibile per la promozione turistica del territorio, con lo scopo di illustrare le caratteristiche delle colture locali, favorendo il lavoro di gruppo ed il confronto tra pari nel rispetto dei vari punti di vista, nonché l’assunzione di ruoli e compiti.
Docenti e personale ATA, staff amministrativo e didattico, Dirigente scolastico continuano, con l’impegno di sempre, ad offrire ai giovani eccezionali occasioni di crescita e arricchimento formativo.

Addetto stampa IC Capuana/Pardo
Lara Rizzo