Il giudice monocratico del Tribunale di Marsala Annalisa Amato, in sede di rito direttissimo, ha convalidato l’arresto per resistenza al pubblico ufficiale al castelvetranese Francesco Calamia, 36 anni, che due sere fa si rese protagonista di un rocambolesco incidente nel centro di Campobello di Mazara. Calamia (difeso dall’avvocato Giuseppe Ferro) è stato rimesso in libertà ma il giudice ha applicato la misura dell’obbligo di dimora a Castelvetrano, sua città di residenza.

Due sere fa Calamia, alla guida della sua Nissan Patrol, dopo aver tamponato una Fiat 500 in piazza Garibaldi, si è scontrato violentemente con un’Audi A4 condotta da G.M., proprio all’incrocio della via Roma con via Garibaldi. Dopo l’impatto (per fortuna il giovane alla guida è rimasto illeso) il fuoristrada si è scontrato con un’altra autovettura parcheggiata in via Roma, per poi finire la corsa capovolta su un fianco. La sera stessa dell’incidente i carabinieri lo hanno arrestato (gli sono stati concessi i domiciliari) dopo aver riscontrato che il giovane guidava senza patente (perché ritirata dalle Forze dell’Ordine)  e perché ha fatto resistenza agli stessi carabinieri. Oggi Calamia è stato rimesso in libertà dal giudice Amato.