ASCOLTA L'ARTICOLO

Cosa si intende oggi per “Archeologia pubblica”, in che modo questa può guardare al futuro impegnando la comunità. Attorno a questa disciplina – che ha come obiettivo il coinvolgimento del territorio nelle ricerche sul passato e nella valorizzazione del patrimonio culturale – si riuniranno esperti, giornalisti e stakeholder. Venerdì (2 dicembre), dalle 15 al Baglio Florio del Parco archeologico di Selinunte, si discuterà infatti di “Percorsi culturali tra passato e futuro: un’archeologia per tutti – Archeologia pubblica a Selinunte” nel corso di un convegno promosso e organizzato dalla Rotta dei Fenici – Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa in collaborazione con il Parco archeologico, per promuovere una riflessione attuale sul ruolo dell’archeologia nella percezione e costruzione dell’identità locale. Il tema prende spunto dalle iniziative avviate dal Parco che mettono al centro la comunità locale e il suo rapporto con il patrimonio culturale e paesaggistico; iniziative che trovano una facile terreno di confronto nelle attività che la Rotta dei Fenici propone dal 2003 e che vanno proprio in questa direzione.

Un primo evento sarà la domenica successiva (4 dicembre), giornata di apertura gratuita del Parco che già vede in programma visite guidate tematiche: ma ritornerà la Camminata Selinuntina, nata quarant’anni fa, su iniziativa di Angela Calabrese Liotta con gli studenti del Liceo locale, nel Parco che stava per nascere. Oggi molti degli studenti di allora, sono docenti o genitori: saranno loro a passare idealmente il testimone ai cittadini di domani. Dalle 9 alle 12 presso la Collina Orientale del Parco, La Rotta dei Fenici, con il Parco di Selinunte, il Gruppo archeologico Selinunte e l’IISS “Cipolla, Pantaleo, Gentile” organizzano un programma di visite, performance, drammatizzazioni e incontri – con protagonisti gli studenti – alla scoperta dell’area archeologica, con la guida degli studenti dei licei di Castelvetrano. Programma della Seconda Camminata Selinuntina 2022

IL CONVEGNO – 2 dicembre

Due le tavole rotonde previste: la prima approfondirà il tema dell’archeologia pubblica e del coinvolgimento della comunità; la seconda approfondirà il tema della comunicazione dell’archeologia declinata in vari settori. In collaborazione con i Gruppi Archeologici d’Italia, l’Istituto Alberghiero IPSEOA Virgilio Titone di Castelvetrano

PROGRAMMA

ORE 15.00
FELICE CRESCENTE, Direttore Parco Archeologico Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria
Saluti delle Autorità Regionali
ANTONIO BARONE, Direttore La Rotta dei Fenici – Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa
ALBERTO SCUDERI, Vice Direttore Nazionale Gruppi Archeologici d’Italia

Tavola rotonda:

ARCHEOLOGIA PUBBLICA, IDENTITÀ e SVILUPPO DEL TERRITORIO
MASSIMO BOTTO, Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale – CNR
FERDINANDO MAURICI, Soprintendente del Mare, Regione Siciliana
ANA MARIA NIVEAU DE VILLEDARY Y MARINAS, Università di Cadice (Spagna)
TATIANA PEDRAZZI, Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale – CNR
LUCA PEYRONEL, Università degli Studi di Milano
ALBERTO SAMONÀ, giornalista e scrittore

Tavola rotonda:

COME L’ARCHEOLOGIA COMUNICA CON IL PUBBLICO
NADIA CANU, Fondazione Mont’e Prama
EUGENIO FARIOLI VECCHIOLI, RAI Cultura
MAURIZIO FORTE, Duke University (USA)
LUCA PEYRONEL Università degli Studi di Milano

AUTORE.