ASCOLTA L'ARTICOLO

Il concerto di Gigi D’Alessio di sabato scorso alle Cave di Cusa, a Campobello di Mazara, ha avuto un’appendice polemica. A una signora diversamente abile di Campobello di Mazara, V.S., 53 anni, cieca dalla nascita, è stato negato l’accesso gratuito al concerto di D’Alessio. La signora, accompagnata dalla sorella, si è recata al botteghino e, con grande amarezza, ha dovuto comprare due biglietti da quasi 50 euro.

“Nonostante ho ribadito che mia sorella è cieca il personale mi ha riferito che non era in carrozzina e, quindi, avrebbe dovuto pagare – spiega la sorella della disabile – in un primo momento volevamo tornare a casa, poi mia sorella ha insistito per non perdere l’occasione di ascoltare dal vivo il suo idolo e così ho pagato due biglietti interi”. La sorella della disabile ha sfogato tutta la sua amarezza per quanto successo sui social: “Non era mai successo che in Italia mia sorella con handicap visivo pagasse a un evento o spettacolo di qualsiasi genere”.

A organizzare il concerto è stata la società “Puntoeacapo srl”: “La nostra policy aziendale prevede l’acquisto del biglietto da parte del diversamente abile, mentre l’accompagnatore ottiene un pass gratuito di servizio dopo che presenta la documentazione di legge 104. Cioè con un biglietto entra disabile e accompagnatore ma fino a esaurimento dei posti disponibili. Per il concerto di D’Alessio i posti riservati ai disabili erano esauriti”.

Ancora la “Puntoeacapo srl”: “Nonostante non ci sia nessun obbligo in Italia per fornire biglietti gratuiti ai diversamente abili, è stata sempre consuetudine della nostra azienda farlo”. Poi l’invito quasi “riparatore”: “Ospiteremo gratuitamente la signora e il suo accompagnatore a qualsiasi altro prossimo concerto da noi organizzato. Il pubblico è al primo posto dei nostri pensieri, lavoriamo grazie al pubblico pagante che ama la musica e che come noi tiene a vivere questi momenti che debbono rimanere spensierati ed emozionanti”. Il Comune di Campobello di Mazara alla “Puntoeacapo srl” ha concesso un contributo di 54 mila euro per i concerti di Antonello Venditti, Gianna Nannini e Gigi D’Alessio.

AUTORE.