Sono ferme le demolizioni delle case abusive di Triscina. Da lunedì 30 settembre le ruspe della “Cogemat srl” di Trapani dovevano riprendere ad abbattere gli immobili abusivi ma, al momento, tutto è fermo. La questione è legata ad alcuni passaggi amministrativi dell’Ufficio speciale di contrasto all’abusivismo edilizio creato dalla Commissione straordinaria.L’attuale responsabile unico del procedimento è il geometra Alessandro Graziano, che arriva dopo due sostituzioni. È cambiato anche il direttore dei lavori. Lo scorso 10 settembre è stato il Segretario comunale a sostituire l’ingegnere Danilo La Rocca con l’architetto Daniela Lucentini. «Per esigenze di servizio» c’è scritto nella disposizione del Segretario.

L’architetto Lucentini è pero in malattia per un lungo periodo. I lavori di demolizione sono stati sospesi ad aprile scorso, dopo l’abbattimento di 32 immobili. Il Comune, in totale, tramite la Polizia Municipale, ne è già in possesso di altri 9. Intanto il sindaco Enzo Alfano ha espresso pubblicamente le sue perplessità in merito alle demolizioni sinora fatte, rispetto alla tutela ambientale: «Quelle finora fatte non hanno rispettato l’ambiente». Ma il primo cittadino ha ribadito: «Le demolizioni non possono fermarsi, queste vengono fuori da sentenze definitive. Ma bisogna fare delle demolizioni intelligenti, che salvaguardino l’ambiente».