ospedale castelvetrano

Per l’asportazione di un polipo in day surgery effettuato all’ospedale di Castelvetrano una donna di 62 anni, R.C., di Campobello di Mazara, si è ritrovata con l’utero perforato e con una parte di colon asportato.

E’ accaduto nei giorni scorsi, ma la donna, ancora oggi in convalescenza dopo l’odissea e un secondo ricovero in un nosocomio palermitano, sporgerà formale denuncia tramite il suo legale di fiducia, Vincenzo Basile. Nel reparto di Ginecologia la signora si è sottoposta a una isteroscopia operativa per ablazione di poliposi uterina.

“E’ incredibile – afferma Basile – che una paziente entri in ospedale per un intervento quasi ambulatoriale di appena un’ora e ne esca con le viscere lacerate e l’utero perforato. Soltanto il giorno successivo i medici si sono resi conto di quanto era accaduto.

Sono così dovuti intervenire d’urgenza, con una delicata operazione protrattasi per oltre quattro ore, i sanitari della Chirurgia generale dell’ospedale, che sono riusciti a salvarle la vita. Sono stati questi ultimi a diagnosticarle la peritonite settica acuta da sversamento di feci in addome per lesione post-isteroscopia dell’utero e dell’ansa intestinale”.

fonte. ANSA