La storia del nostro paese è assai affascinante e tutti conosciamo le bellezze architettoniche che caratterizzano Castelvetrano, ma se di un’opera andiamo fieri è il nostro “pupo”, l’Efebo, tornato nella nostra Selinunte adesso alberga alla “Casa del Viaggiatore” all’interno del parco archeologico.

C’è chi lo ama così tanto da farne addirittura una copia, per se, di dimensioni naturali ma in gesso dipinto, lui è il prof. Benedetto Risalvato, insegnante di lettere alla scuola media “Pappalardo” adesso in pensione da circa 10 anni.

La sua da sempre una cultura classica, infatti lo ha condotto negli anni a dar sfogo ad una meravigliosa passione, la scultura, che sia essa in bronzo, metallo, pietra nasce proprio al momento del ritrovamento del Satiro Danzante, quando il professore decise di averne uno solo per lui… non potendo quindi possedere l’originale, ne creò un altro, impiegò circa 5 mesi ma il risultato è davvero notevole. Ha realizzato un’opera in altorilievo di 2,32 metri.

risalvato-1160

Ma la sua passione, che dura ormai da circa 25 anni, non si ferma soltanto ai due “fanciulli” infatti egli ha realizzato, in una interpretazione personale, anche la “Quadriga di Apollo” una delle meravigliose metope del Tempio C di Selinunte la cui scultura originale è adesso custodita presso il Museo Archeologico “A. Salinas” di Palermo.

Saranno un centinaio le opere del prof. Risalvato che inoltre ha anche realizzato per conto del Comune di Castelvetrano, il noto busto di Giovanni Gentile situato nel Sistema delle Piazze, quello del pittore Gennaro Pardo, quello dell’ispettore Domenico Bonsignore, il busto di Leonardo Centonze che possiamo ammirare presso la biblioteca comunale, il pannello bronzeo custodito all’interno della chiesa della Salute, con il quale è rappresentata in maniera simbolica la Passione di Cristo.

risalvato-1179

Il figlio Giovanni che lavora come educatore ha ereditato questa grande passione dal padre e con lui realizza lavori che hanno davvero dell’incantevole.

Il rifacimento di classici in maniera così pedissequa mostra una passione sconfinata per le nostre origini e la nostra cultura, e poi chi ce lo dice che la copia possa non essere meglio dell’originale?

risalvato-1174

risalvato-1140