Aiutare, sostenere, stare vicino, senza guardare al colore della pelle, o se adulto o bambino. È quello che in questi anni, in silenzio, ha fatto Davide Buscemi di Castelvetrano che ha scoperto la Tanzania: «È stato il posto più arido che abbia mai visto nei miei viaggi, poco ospitale dal punto di vista naturalistico ma me ne sono innamorato», racconta. In quel pezzo d’Africa Davide ha trovato tanti amici, adulti, bambini, tutti da aiutare «perché lì c’è poco o niente». I suoi risparmi li ha investiti lì per costruire un dispensario farmaceutico, per aiutare a vivere i bambini orfani e per sostenere negli studi chi avrebbe voluto ma non ne aveva la possibilità.

Tra questi c’è Samson che Davide ha sostenuto per 5 anni negli studi presso l’Università di Dar es Salaam. Il giovane di colore si è laureato ed è oggi un docente di Geografia. Qualche giorno addietro Samson si è sposato e quel momento di gioia, seppur a distanza, lo ha vissuto anche Davide, in questo periodo a Triscina di Selinunte. «Quando abbiamo iniziato questo percorso io gli ho detto che lo avrei aiutato a studiare ma lui avrebbe dovuto aiutare un altro bambino col “passa il favore”», racconta Davide Buscemi. Samson quella promessa l’ha mantenuta: «Mi ha detto che a breve supporterà qualche ragazzino orfano».

Storie di uomini che s’intrecciano, solidarietà fraterna anche se a migliaia di chilometri di distanza e sullo sfondo l’aiuto silenzioso di chi ha scelto di condividere percorsi spesso anche tortuosi e difficili. Davide Buscemi sino al 2019 operava nel campo del turismo, poi nel 2020 ha perso il lavoro per colpa della pandemia. Ma l’Africa l’aveva scoperta prima. In questi anni non ha perso occasione di aiutare piccoli orfani, famiglie dei villaggi, sostenere ragazzi nello studio. Da un mese e mezzo ha aperto anche un Ufficio per il microcredito. Ha fatto tutto coi propri risparmi, senza chiedere niente a nessuno. Il grazie dei bambini orfani e di chi ogni giorno Davide aiuta è segnato nel sorriso che ognuno di loro esprime quando lo incontrano o lo vedono in videochiamata. Lo stesso di quello impresso sul viso di Samson appena uscito dalla chiesa dopo il matrimonio e del quale Davide ha potuto gioire nel vedere le foto. «L’impegno di Samson nell’aiutare qualche ragazzino orfano rappresenta un altro piccolo passo per cambiare il mondo», dice Davide Buscemi, pronto ancora una volta a tornare in Africa.

Davide Buscemi ha aperto la Fanpage “Davide per l’Africa”. Chi vuole sostenere i suoi progetti può mettersi in contatto con lui tramite la Fanpage.