crocetta renzi

Il governatore siciliano si auto-sospende dalla sua carica dopo le polemiche per un’intercettazione, pubblicata dall’Espresso, nella quale il suo medico, Matteo Tutino, parlando di Lucia Borsellino afferma: “Va fermata, va fatta fuori come suo padre”. Parole che Crocetta dice di non aver sentito.

“Mi auto-sospendo immediatamente da presidente della Regione”. Così all’ANSA il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, sull’onda delle polemiche per l’intercettazione nella quale Tutino dice: “Va fermata e va fatta fuori come suo padre”. Come Paolo Borsellino, il giudice assassinato il 19 luglio 1992.

“Non posso – dice Lucia Borsellino all’ANSA – che sentirmi intimamente offesa e provare un senso di vergogna per loro”.

Crocetta annuncia che affiderà l’interim per la guida della Regione a Baldo Gucciardi (Pd), neo assessore alla Sanità, subentrato proprio a Lucia Borsellino, che si è dimessa dopo l’arresto di Tutino, nell’ambito di una inchiesta sull’ospedale Villa Sofia.

Per quanto riguarda eventuali dimissioni, Crocetta afferma: “Prenderò la decisione finale nel giro di pochi giorni, dopo gli accertamenti”

fonte. ANSA