Sia chiaro a tutti: chi si serve della tragedia del virus per tentare di abbattere il governo regionale ha sbagliato i calcoli” Così il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci oggi ha precisato i dati che riguardano la situazione epidemiologica e la campagna di vaccinazione in Sicilia. Riferendosi alle polemiche e alle ricostruzioni di alcuni mass media sul dato riferito ai 258 morti e ai 6.000 guariti ricalcolati, il Governatore ha spiegato: “I flussi che riguardano la comunicazione dei dati inviati a Roma seguono due direttrici. Una riguarda la comunicazione che dalle Aziende va all’Istituto superiore di sanità, ed è quella dalla quale dipendono le decisioni che riguardano i “colori” delle regioni. L’altra, diversa, è quella curata dalla Protezione Civile, i cui flussi non sempre sono allineati perché seguono altri metodi di ricognizione.

Questo significa che le 258 vittime rilevate venerdì dalla Protezione civile, sono il risultato del periodico riallineamento tra i due flussi e comunque il dato era già presente nella piattaforma dell’ISS. Succede in diverse regioni italiane e in parecchi Stati europei. Solo chi è sciacallo può speculare sulla tragedia che vive la propria gente”.