Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha firmato l’ordinanza che istituisce quattro nuove “zone rosse” in Sicilia. Si tratta dei comuni di Ribera (Agrigento), Serradifalco (Caltanissetta), Trabia, nel Palermitano e Santa Maria di Licodia, in provincia di Catania. L’ordinanza entrerà in vigore giovedì 25 marzo e sarà valida fino al 6 aprile compreso. Il provvedimento, che prevede anche la chiusura delle scuole, è stato richiesto dai sindaci delle quattro città e si è reso necessario a causa di un repentino aumento dei contagi registrati negli ultimi giorni, certificato dalle rispettive Asp, dice la Regione siciliana.

Ai quattro comuni si aggiungono anche a Caltanissetta, Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento, Caltavuturo, in provincia di Palermo, e Scicli, in provincia di Ragusa, che sono stati dichiarati zona rossa fino al 30 marzo. Fino al 27 marzo sono zona rossa anche i comuni di Altavilla Milicia e San Mauro Castelverde, nel Palermitano; Montedoro, in provincia di Caltanissetta; Portopaolo di Capo Passero, nel Siracusano; Raffadali in provincia Agrigento

In Sicilia, i contagi sono in lieve crescita: il bollettino di oggi registra 751 nuovi positivi nelle ultime 24 ore (666 ieri). Nelle ultime 24 ore sono stati processati 24.979 tamponi e il tasso di positività, rispetto a ieri, è sceso al 3%. Crescono anche i ricoveri, ben 31 in un solo giorno e ci sono da registrare altri 20 decessi.