E così De Andrè, cantautore e poeta “difficile”, incantò il Teatro Selinus, tramite la meravigliosa voce di Nadia Burzotta, Sara Fittante, Giuseppe Craparotta, Natalia Ferrantello, Giulia Gucciardo, Giuseppe Indelicato, accompagnati dalla potenza espressiva di Salvino Martinciglio, Benito Frazzetta, Enza Valentina Di Piazza, Mauro Agoglitta ed Helena Buscemi.

Uno spettacolo, quello costruito e coreografato da Giacomo Bonagiuso che ha entusiasmato il pubblico del Selinus che ha riempito il teatro civico regalando alla giovane compagnia un lunghissimo applauso in piedi. Attimi di profonda emozione che sono così riassunti nelle parole del regista: «volevamo mettere in scena la Buona Novella di Fabrizio De Andrè per raccontare una delle storie più note del mondo, da una prospettiva diversa, quella degli ultimi,degli emarginati, dei poveri.

Volevamo parlare di Cristo senza metterlo in scena, attraverso chi di lui parla, discute, chi con lui litiga, chi lui rinnega, chi lui piange». Particolarmente apprezzato dal pubblico è stata la “visionarietà” della messa in scena che ha dato davvero un corpo convincente alle parole e alla musica di Faber.

I giovani talenti della Compagnia Teatro Libero hanno davvero brillato in una serata di elevata cultura a Castelvetrano. Manifestazioni come questa, che gremiscono il teatro anche in presenza di un testo “impegnato” e non “leggero” sono il segno che c’è voglia di cultura e non solo di disimpegno. Speriamo che la crisi non spazzi via ogni desiderio di cultura intorno a queste rare, preziose, isole felici.

Si allegano alcune foto di scena realizzate da Riccardo Basilio e un promo video realizzato da Alex Lo Grasso

LA BUONA NOVELLA 2

LA BUONA NOVELLA

LA BUONA NOVELLA 4